Maestro Pellegrini a #rockinvilla

Maestro Pellegrini a #rockinvilla

Domenica 8 Aprile 2021 (dalle ore 14) si terrà un’altra giornata di musica a #rockinvilla, la manifestazione organizzata dalla Villa del Bene di Dolcè (VR). Un cast sempre molto eterogeneo organizzato da Anthill Booking con Davide Motta con Red and Blue di Marco Stanzani. Oltre all’artista principale ci sono musicisti e cantautori da tutta Italia, con un’ovvia predominanza veneta. L’evento è presentato da Fabio Ricci, giornalista e presentatore milanese, è in streaming gratuito. Questa domenica ospitiamo Maestro Pellegrini. A dividere con l’artista Livornese il palco: Carl Antony Lorenz, La Polveriera, Distinto, Microwave e Brando. Nel momento più duro per musica e spettacolo la Villa sostiene gli artisti e l’arte in ogni modo. Aiutateci condividendo comunicati e dirette.

Maestro Pellegrini presenterà peer la prima volta live il nuovo singolo appena uscito a #rockinvilla

#rockinvilla


Il festival organizzato, per ora in maniera continua e permanente in streaming, dalla Villa del Bene è fino ad ora assolutamente condotto in maniera antica, insomma mecenatismo puro. La volontà di fare rinascere questo spazio ha portato nomi importanti della cultura musicale italiana. Da “Lassociazione” condotta da Gigi Cavalli Cocchi a Pierpaolo Capovilla, dai Sonohra a Finaz e Nuto della Bandabardò, Marco Furio Forieri (Pitura Freska) per arrivare a Paolo Vallesi fino a Omar Pedrini. Senza dimenticare la finale di SanremoRock della scorsa estate. Prossimi appuntamenti, speriamo aperti al pubblico, saranno l’11 Aprile con Maestro Pellegrini (Zen Circus) e il 18 Aprile Gianluca De Rubertis. Ma non finisce qui, nelle prossime settimane altri grandi artisti stanno per arrivare a Dolcè. Nomi? Arriveranno anche Paolo Benvegù, Pino Scotto e Carlo Marrale (Matia Bazar).

Il nostro Fabio Ricci, che presenta i concerti sfoggiando super magliette Nerd!

Villa del Bene


Per ora niente pubblico, panini e birra e incontri che hanno nobilitato questa passata estate. Ora solo streaming, ma con una qualità davvero notevole. Si tratta di un vero palco professionale con tecnici davvero molto bravi e pazienti. Pietro D’Elia si occupa dell’audio e Leonardo Compri delle luci. La parte video è tutta nelle abili mani di Andrea Maimeri e Federico Bortolazzi. La resa finale è all’altezza di qualsiasi programma televisivo.

Maestro Pellegrini


Info


L’evento per seguire la diretta https://www.facebook.com/events/1161760837616524


*** 


www.villadelbene.com

https://www.anthillbooking.it

https://www.redblue.it

www.fabioricci.it

https://musicadamilano.wordpress.com

La scorsa edizione di #rockinvilla con Omar Pedrini (Timoria) intervistato da Fabio Ricci

Classica HD e “Le voci in-canto del lago”

Classica HD e “Le voci in-canto del lago”

di Fabio Ricci

Da giovedì 8 Aprile 2021 parte su Classica HD (canale 136 di Sky) la visione del documentario “Le voci in-canto del lago”. La prima tv sarà alle 21.15 ma come di consueto ci saranno le repliche nei giorni successivi. Per la precisione sabato 10, mercoledì 14, domenica 18, venerdì 23, martedì 27 aprile e lunedì 3 maggio.

Le voci in-canto del lago

Il concorso si è svolto al Teatro Maggiore di Verbania, lo scopo era individuare artisti per formare una compagnia di canto per la fugura messa in scena dell’opera di Aldo Finzi “Shylock”. Nato da una idea di Renata Rapetti, direttrice artistica del Centro Eventi il Maggiore, e sostenuta dalla Fondazione “Il Maggiore” guidata dal Presidente Rita Nobile e dall’Amministrazione comunale di Verbania capitanata da Silvia Marchionini che ne è il sindaco.

C’è anche questo libro sulla storia di Aldo Finzi fai click sulla foto per maggiori informazioni

La casa degli artisti censurati

Il teatro verbanese, inoltre, è diventato la casa di Finzi Academy, realtà nata per promuovere le opere di quegli artisti che per motivi politici, religiosi o razziali non hanno potuto esprimere il proprio talento; emblema il compositore Aldo Finzi, vittima delle leggi razziali fasciste.

Ti è piaciuto questo post?  vuoi ringraziare offrendomi un caffè?C’è Paypal

Nebüla alle #intervistesuldivano con Supernovae

Nebüla alle #intervistesuldivano con Supernovae

di Fabio Ricci

Nebüla in italiano ha due significati, sia nuvola che nebulosa. In entrambi i casi è l’esatto contrario del lavoro di Azzurra, Nebüla appunto, in “Supernovae” il suo primo LP solista. Musicista molto preparata e davvero simpatica come persona, cosa che non mi dispiace mai, come si è dimostrata nel video qui sopra a #leintervistesuldivano. Nella chiacchierata, come di consueto, si spazia raccontando l’artista non solo tramite la sua musica

Azzurra Buccoliero Nebüla

Il progetto

Dopo avere ascoltato i lavori precedenti con i Blùmia ho capito la sua necessità si spogliare le canzoni di questo lavoro scarnificandole fino all’osso. Anche perché se no conveniva fare un terzo (non mollate che il progetto mi piace un sacco) con la sua band. Una essenzialità quasi nipponica, ogni pezzo suona uguale se lo rifà chitarra voce. Io sono convinto che gli artisti vadano incoraggiati, se una cosa non mi piace basta ignorarla. Però ogni artista merita rispetto, se usa il valore come linguaggio. Il punto al primo ascolto è sicuramente “I ragazzi di Strudà” dall’esperimento sociale che un piccolo ospedale psichiatrico fece di reinserimento (ma anche di attenuazione, in alcuni casi dove era possibile, dei farmaci) nella vita dello stesso paese. 

Azzurra Buccoliero Nebüla

Bio

Nebüla, classe 85’, è Azzurra Buccoliero, artista salentino-romana con diverse esperienze e influenze musicali (dal Grunge-Rock Anni 90’ al Blues sino agli studi jazz). Polistrumentista (sassofonista, chitarrista e armonicista) studia sassofono e canto jazz al Conservatorio di Milano, dove impara a giocare con i pastelli della musica e ad affrontare diversi generi e ritmiche. Dalle influenze molteplici, con alle spalle la produzione di due dischi con il progetto elettronico Blùmia, si spinge a un ritorno alle origini, all’essenzialità e alla bellezza della musica strumentale. Inizia il suo primo progetto da solista nel 2019 assieme ai suoi musicisti milanesi con cui è riuscita a sperimentare tante sonorità a creare una nuova entità, un innovativo rock aristocratico che sfocia nel progetto Nebüla con cui pubblica il suo debut “Supernovae” nel 2021 con Seahorse Recordings.

Info 

https://www.facebook.com/NebulaNeb85

http://www.seahorserecordings.com/site/

Qui puoi ascolatare LP

https://amzn.to/3dkIHoX

Ti è piaciuto questo post?  vuoi ringraziare offrendomi un caffè? C’è Paypal

Arriva Genitori Vs Influencer su Sky

Arriva Genitori Vs Influencer su Sky

di Fabio Ricci

Atterrà sulla piattaforma satellitare il film, trasmesso da Domenica 4 Aprile 2021 alle ore 21.15, della regista Michela Andreozzi dal titolo “Genitori Vs Influencer”. Divertente commedia che vede tra gli altri Fabio Volo, Ginevra Francesconi, Giulia de Lellis e Nino Frassica. Il cast era presente alla conferenza stampa, anche se tutto sembrano meno che conferenze stampa ormai, tenuta dagli studi romani di Sky. Il film è prodotto da da Paco Cinematografica e Vision Distribution con la spagnola Neo Art Producciones. Sarà disponibile anche on demand e in streaming su NOW.

Di cosa parla

“Quanto è difficile oggi essere il padre single di una teenager? Paolo (Fabio Volo), professore di filosofia, vedovo, ha cresciuto da solo sua figlia Simone – alla francese – (Ginevra Francesconi), con cui ha un bellissimo rapporto. Ma quando la ragazza entra ufficialmente nella fase dell’adolescenza, l’idillio si rompe: come ogni teenager che si rispetti, infatti, Simone viene “rapita” dallo smartphone, tanto che matura l’idea di voler diventare influencer – come il suo idolo Ele-O-Nora (Giulia De Lellis) – categoria che Paolo detesta. Pur di recuperare il rapporto con sua figlia, Paolo inizia una campagna contro l’abuso dei social, con l’aiuto della stessa Simone che diventa la sua web manager. La fama inaspettata lo trasformerà suo malgrado in un influencer… e gli farà scoprire che i social, anche se vanno maneggiati con cura, possono regalarti una possibilità.”

Info 

https://www.manzopiccirillo.com/genitorivsinfluencer

***

Ti è piaciuto questo post?  vuoi ringraziare offrendomi un caffè? C’è Paypal

Omar Pedrini a #rockinvilla

Omar Pedrini a #rockinvilla

Domenica 21 Marzo 2021 (dalle ore 14) si terrà un’altra giornata di #rockinvilla, la manifestazione organizzata dalla Villa del Bene di Dolcè (VR). Un cast sempre molto eterogeneo organizzato da Anthill Booking con Davide Motta con Red and Blue di Marco Stanzani. Oltre all’artista principale ci sono musicisti e cantautori da tutta Italia, con un’ovvia predominanza veneta. L’evento è presentato da Fabio Ricci, giornalista e presentatore milanese, è in streaming gratuito. Questa domenica ospitiamo Omar Pedrini fondatore e autore dei successi dei Timoria. A dividere il palco: Annarè Persiano (Lucca), Chianluca, Carl Antony Lorenz, Mania (Lodi) e Gravity Zero.

#rockinvilla

Il festival organizzato, per ora in maniera continua e permanente in streaming, dalla Villa del Bene è fino ad ora assolutamente condotto in maniera antica, insomma mecenatismo puro. La volontà di fare rinascere questo spazio ha portato nomi importanti della cultura musicale italiana. Da “L’associazione” condotta da Gigi Cavalli Cocchi a Pierpaolo Capovilla, dai Sonohra a Finaz e Nuto della Bandabardò, Marco Furio Foroni (Pitura Freska) per arrivare a Paolo Vallesi. Senza dimenticare la finale di SanremoRock della scorsa estate. Prossimi appuntamenti, speriamo aperti al pubblico, saranno l’11 Aprile con Maestro Pellegrini (Zen Circus) e il 18 Aprile Gianluca De Rubertis (Genio). Ma non finisce qui, nelle prossime settimane altri grandi artisti stanno per arrivare a Dolcè. Due nomi? Arriveranno Paolo Benvegù e Pino Scotto

Annarè alla Villa del Bene

Villa del Bene

Per ora niente pubblico, panini e birra e incontri che hanno nobilitato questa passata estate. Ora solo streaming, ma con una qualità davvero notevole. Si tratta di un vero palco professionale con tecnici davvero molto bravi e pazienti. Pietro D’Elia si occupa dell’audio e Leonardo Compri delle luci. La parte video è tutta nelle abili mani di Andrea Maimeri e Federico Bortolazzi. La resa finale è all’altezza di qualsiasi televisione. 

Chianluca
Chianluca alla Villa del Bene

Info

L’evento per seguire la diretta 

https://www.facebook.com/events/1161760837616524

*** 

www.villadelbene.com

https://www.anthillbooking.it

www.fabioricci.it

Eventi Milanesi

Ti è piaciuto questo post?  vuoi ringraziare offrendomi un caffè? C’è Paypal

“When you See Yourself” il nuovo dei Kings of Lion

“When you See Yourself” il nuovo dei Kings of Lion

di Fabio Ricci

Il 5 marzo 2021 è uscito il “When you See Yourself” (RCA Records / Sony Music), il nuovo album di inediti dei Kings of Lion. La band americana, una vera Family’s band, ha anche rilasciato il nuovo video “Stormy weather”. Non li conosco abbastanza per sapere se l’omaggio agli anni ottanta (girato in 4/3 con tutti i luoghi comuni dei video di quegli anni li) è tale o una presa in giro. Ma cose di poco conto. Dell’LP ci sarà anche la versione vinile e CD e per questo gli amanti del vecchio HiFi come me sentitamente ringraziano. Comunque simpatico nulla da dire. La band è da tenere sempre d’occhio, non sbagliano un colpo.

“When you See Yourself”

“When you See Yourself”, registrato nei famosi Blackbird Studios di Nashville e prodotto dal vincitore di Grammy Markus Dravs (Arcade Fire, Coldplay, Florence + the Machine), rappresenta la perfetta evoluzione targata 2021 del sound della band. La band ha annunciato la “NFT Yourself”, una collezione d’arte digitale che sarà composta da 25 pezzi unici; i proventi di due di questi andranno a beneficiare il Live Nation’s Crew Nation Fund. Il primo rilascio NFT coincide con l’uscita dell’album. La prima pubblicazione è disponibile da oggi, venerdì 5 marzo, e include un vinile ed esperienze totalmente uniche. Realizzata con il partner creativo Night After Night, la collezione è disponibile su YellowHeart, la prima piattaforma socialmente responsabile e che consente agli artisti a vendere oggetti da collezione direttamente ai loro fan.

Info 

www.kingsofleon.com

Ti è piaciuto questo post?  vuoi ringraziare offrendomi un caffè? C’è Paypal

I musei aprono la città, almeno virtualmente, di Milano

I musei aprono la città, almeno virtualmente

Chiudono i musei? E i musei riaprono come possono, ovviamente con lo streaming. Milano si apre in questo fine settimana con iniziative davvero meritorie, da seguire. Premiate questa e le iniziative analoghe almeno guardando questi video e questi eventi. Magari condividete, se non strettamente questo mio articolo, tutti quelli che creano valore culturale ed umano. La chiusura insensata di queste indispensabili strutture, si sa l’assembramento che i musei causano, sta mettendo ancora più in crisi questa società che invece di cultura si sta cibando di ignoranza. 

I Musei aprono

Promossa dal Comune di Milano dal titolo “I musei curano la città”, combatte questa battaglia per portare i cittadini, non solo della nostra città, a riscoprire almeno online il suo patrimonio artistico. In attesa di assembrare, quello si, davvero quando ce ne sarà la possibilità. Ci sono supermercati e non solo, basta pensare ai mezzi pubblici, che hanno più persone ammassate in pochi metri in qualche minuto, che l’intero pubblico di un museo in una giornata con possibilità davvero nulla di contagiare. Ma questo è un altro discorso. Dicevamo che il Comune ha organizzato e realizzato in collaborazione con l’Associazione MuseoCity, questo evento che porterà a riaprire le porte dei musei.

Programma 

sabato 6 marzo, ore 10 CONVEGNO | Musei in ascolto. Prossimità e creatività nel museo 

sabato 6 marzo, ore 10.30 MUSEOCITY 2021 TOUR | Dietro le facciate degli edifici del centro storico 

sabato 6 marzo, ore 15 MUSEOCITY 2021 TOUR | I gioielli di Porta Venezia 

domenica 7 marzo, ore 10.30 MUSEOCITY 2021 TOUR | Case-Museo, Moda, Arte e Storia: alla scoperta del Quadrilatero della Moda e dei suoi dintorni 

domenica 7 marzo, ore 10.30 MUSEOCITY 2021 TOUR | Quando economia e storia vanno a braccetto

domenica 7 marzo, ore 15 MUSEOCITY 2021 TOUR | Passeggiando per il Parco Sempione

domenica 7 marzo, ore 15 MUSEOCITY 2021 TOUR | Passeggiando per il Parco Sempione

Info 

Il programma completo di tutte le iniziative è disponibile su http://www.museocity.it , su http://www.yesmilano.it e sull’app MuseoCity.

Ti è piaciuto questo post?  vuoi ringraziare offrendomi un caffè? C’è Paypal

“Guarire” con Manuela Pompas a #leintervistesuldivano

Manuela Pompas a #leintervistesuldivano

“Guarire” con Manuela Pompas

Sabato 27 e domenica 28 febbraio 2021 si tiene a Milano, in streaming, il convegno “Guarire” organizzato dal magazine Karmanews diretto dalla giornalista Manuela Pompas. Ho colto l’occasione per averla qui a #leintervistesuldivano, come capirete dal video abbiamo chiacchierato parecchio di tantissimi temi legati alla sua storia. Chiamarla carriera nel suo caso mi sembra un po’ riduttivo, mette una passione nelle sue cose davvero unica, senza mai perdere di vista il suo percorso. L’assenza di fanatismo, che in questi contesti a volte fa capolino, aggiunta alla serenità che trasmette rendono piacevole ascoltarla. Ma è cosa risaputa da decenni visto l’affetto che la circonda.

© pigi cipelli 13\07\2006 Milano Manuela Pompas con il figlio Francesco fotografati nella loro casa a Milano.

Il tema del convegno

Nel corso dell’ultimo anno, la richiesta di “cure alternative” è esponenzialmente cresciuta anche in seguito all’importanza riservata alla salute a causa della crisi pandemica. “Prevenire” oggi è la parola d’ordine. Come? Alzando le difese immunitarie e preservando la nostra salute sia fisica che mentale. Guarire utilizzando le emozioni, nella conoscenza delle medicine complementari con un corretto uso della nostra postura. Guarire attraverso la metamedicina, ossia la conoscenza del messaggio che trasmette il nostro corpo utilizzando il dolore. Guarire con la medicina cinese, guarire con l’ipnosi, guarire con la naturopatia e l’autoguarigione.

Relatori

Organizzato dalla scrittrice Stefania Bonomi e dalla giornalista Monica Landro, unitamente a Manuela Pompas, ipnologa e direttrice del Magazine Karmanews, portale leader per conoscersi e ritrovare la via del sé.Tutti i relatori sono professionisti affermati e competenti nel loro campo. Alcuni (come Franco Bianchi e Ubaldo Carloni) collaborano con karmanews.it, altri (Marco Bartoli e Alberto Caddeo) sono volti noti del canale YouTube di Karmanews e graditissimi nuovi ospiti (Francesco Oliviero, Rosy Angela Coerezza, Roberto Fabbroni e Stefania la Badessa) saranno presenti per portare la loro comprovata esperienza in questo settore. Introduzione e chiusura del convegno accompagnate dalle musiche di Rino Capitanata

Info 

www.karmanews.it/karma-meetings/

https://www.facebook.com/Karmanews.it

Costo iscrizione per poter partecipare a tutti gli incontri nelle giornate di sabato 27 e domenica 28 febbraio € 37

Ti è piaciuto questo post?  vuoi ringraziare offrendomi un caffè? C’è Paypal

Paolantonio “Io non sono il mio tipo”

Paolantonio “Io non sono il mio tipo”

di Paolo Miano

Conosco Paolo, in arte Paolantonio, da una decina di anni, dal tempo dei suoi esordi regionali in cui si definiva cantautore “impegnato ma non impegnativo” e trattava i piccoli e grandi drammi sociali ed esistenziali della vita da un punto di osservazione dal quale leggerezza ed ironia diventavano un marchio di fabbrica. In questi dieci anni io e Paolo siamo diventati amici, nel senso più vero della parola, quindi mi scuserete se potrò apparire di parte.

Sorridendo di cose serie

Dicevo del giovane Paolantonio, dei consensi ottenuti nella sua Sicilia, quando trattava argomenti seri come la mafia, il precariato ma anche la solitudine, strappando una risata amara, con un stile istrionico che poteva apparire anche eccessivo e troppo provinciale. Ed è per scrollarsi di dosso questo provincialismo che sente come un limite che comincia a scrivere canzoni come Lampedusa, sul dramma degli immigrati, o Questa assurda storia, sulla nota vicenda di Giulio Regeni, sperimentando un registro più intimo e malinconico, senza dubbio più autentico.

Paolantonio

Milano

E’ per lo stesso motivo che decide di lasciare il suo lavoro di pubblicitario, trasferirsi a Milano, la “Cape Canaveral” della musica italiana, e per potersi dare ogni chance di coronare il suo sogno di diventare un professionista della musica. Si costruisce una fanbase come busker, matura come artista e come uomo, intreccia contatti importanti e riesce ad alzare l’asticella. Partecipa con Questa assurda storia a Musicultura, rientrando tra gli otto finalisti vincitori. Ma soprattutto, Paolo scrive come se non ci fosse un domani, con un punto di vista nuovo, più sincero e compassionevole in cui la delicatezza si sostituisce alla leggerezza e la poesia diventa padrona.

Capolavoro da non dimenticare per non dimenticare

“Io non sono il mio tipo”

Con uno strabiliante crowdfunding, segno tangibile della solidità del consenso costruito, raccoglie i soldi per realizzare il suo primo album, del quale ci dà un assaggio in piena emergenza pandemica, con il singolo L’unità d’Italia, che racconta con tono nostalgico delle difficoltà dei giovani meridionali trapiantati al Nord. L’album, autoironicamente intitolato Io non sono il mio tipo, dopo vari rinvii dovuti alla stessa emergenza, esce finalmente lo scorso 12 febbraio e a mio avviso, se avrà la fortuna che merita, potrà rappresentare una piccola pietra miliare nella storia del cantautorato attuale, per la sapienza con cui la raffinatezza e l’accessibilità si controbilanciano, sia nella musica che nei testi. Un disco popolare nel senso più alto di questa parola.

Altro capolavoro, aspettando i video nuovi… da ascoltare

Le canzoni

L’apertura è affidata a I pupazzi del calcetto, il secondo singolo estratto nonché la mia preferita, in cui in una fusione da nodo in gola di poesia, atmosfera ed interpretazione, Paolo racconta con delicatezza e affetto, l’ineluttabilità inconsapevole del destino dei giovani della provincia italiana, la sua provincia. Lo sguardo amorevole di Paolantonio verso le piccole storie anonime di periferia ricorda a tratti il miglior Dalla – come per il condominio multietnico narrato in Via Farini 80 – o per altri versi Capossela – come in Alì e Marisol, improbabile storia d’amore fra un giovane egiziano ed una trans sudamericana. Sto più leggero e Caramelle sono intime canzoni sul desiderio d’amore mentre in Metro da te e Franco Battiato l’atmosfera si fa più leggera e Paolantonio fa trapelare le sue origini catanesi attraverso alcune inflessioni melodiche alla Mario Venuti. Nella title track, infine, riecheggiano l’ironia e la spiritosaggine del primo Paolantonio rivisitate però alla luce dell’acquisita maturità. Ed è questa maturità coltivata negli ultimi dieci anni che fa di Io non sono il mio tipo un disco che, raccogliendo un ideale testimone dal cantautorato anni ‘70 passando per quello anni ‘90, mostra uno spessore che la maggior parte degli attuali cantautori “per cognome” non hanno, suona classico eppure contemporaneo e appena uscito ha già il sapore del vino ben invecchiato. Ad maiora, amico mio!

Con tutti i suoi amici nel video

Info

https://www.youtube.com/channel/UCUIFyrNm9wdJ66_bT1sRcxA

https://paolantonio.lnk.to/IoNonSonoIlMioTipo

https://www.instagram.com/_paolantonio/

https://www.facebook.com/PaolantonioCanzoni

Ti è piaciuto questo post?  vuoi ringraziare offrendomi un caffè? C’è Paypal

Paolo Vallesi alla Villa del Bene

Paolo Vallesi alla Villa del Bene

Domenica 21 Febbraio 2021 si terrà alla Villa del Bene (di Dolcè provincia di Verona) la 4a giornata dedicata a #rockinvilla. Dopo avere ospitato Sasha Torrisi, John Qualcosa (Ambramarie) e tanti artisti sarà la volta di Paolo Vallesi. Al cantautore toscano, che si esibirà piano e voce con un misto tra successi e pezzi nuovi, si affiancheranno grandi talenti quali: Michele Mud, Annarè (da Lucca), Microwave, Gravity Zero e Cloude (da Alessandria, artista Red & Blue). Una proposta eterogenea di artisti molto diversi tra loro ma uniti da Davide Motta di Anthill Booking, che cura la rassegna per la Villa, per la qualità. I concerti sono trasmessi in streamig gratuitamente, con una qualità broadcast davvero notevole. Lo streaming, oltre che dalla pagina della Villa, sarà anche qui. Nell’incontro si parlerà anche del libro di Paolo “La forza della mia vita” che trovate anche su Amazon

Paolo Vallesi

Vallesi

Nasce a Firenze il 18 maggio 1964 ed inizia a studiare pianoforte all’età di 9 anni. Sedicenne, comincia l’attività di musicista e arrangiatore nelle sale di registrazione tra Firenze e Modena. Nel 1989 partecipa alla trasmissione televisiva “Gran Premio” con Pippo Baudo. Nel 1991 partecipa e vince il Festival di Sanremo nella categoria Nuove proposte con il brano “Le persone inutili”. Pubblica il suo primo album con la Sugarmusic di Caterina Caselli dal titolo “Paolo Vallesi” e l’album, con quasi 200.000 copie vendute gli conferisce il suo primo Disco d’Oro. Nel 1992 torna a Sanremo, nella sezione Big, con “La forza della vita” aggiudicandosi il terzo posto. L’album omonimo con oltre 500.000 copie vendute, rimane per molte settimane primo nelle classifiche di album e singoli ed ottiene il Disco di Platino, risultando il secondo album più venduto dell’anno. Il disco viene pubblicato anche in Germania, Francia, Olanda e Scandinavia e, nella versione interamente cantata in spagnolo, in Spagna e nei paesi dell’America latina. Il brano “Sempre”, contenuto nell’album, vince il premio dell’air-play radiofonico al Festivalbar.

Una delle precedenti edizioni con Mud, Fabio Ricci, Sasha Torrisi, Christian Frosio e Chianluca

#rockinvilla

Il festival organizzato, per ora in maniera continua e permanente, dalla Villa del Bene è fino ora assolutamente condotto in maniera antica, insomma mecenatismo puro. La volontà di fare rinascere questo spazio ha portato nomi importanti della cultura musicale italiana. Da “L’associazione” condotta da Gigi Cavalli Cocchi a Pierpaolo Capovilla, dai Sonohra a Finaz e Nuto della Bandabardò. Senza dimenticare la finale di SanremoRock. Ma non finisce qui, nelle prossime settimane altri grandi artisti stanno per arrivare a Dolcè. Due nomi? Omar Pedrini e Paolo Benvegù, forse, sicuramente a mio giudizio, il meglio come compositori nel panorama nazionale. Se scrivere canzoni non è da tutti per loro è assolutamente l’eccellenza.

Michele Mud

Villa del Bene

Per ora niente pubblico, panini e birra e incontri che hanno nobilitato questa passata estate. Per ora solo streaming, ma con una qualità davvero notevole. I tecnici sono davvero molto bravi e pazienti.  Pietro D’Elia si occupa dell’audio e Leonardo Compri delle luci. La parte video è tutta nelle abili mani di Andrea Maimeri e Federico Bortolazzi. Senza dimenticare il motore, insieme al figlio Federico, di tutto che è Gianneugenio Bortolazzi, che poi tutti chiamano Gianni, davvero da elogiare. Una riga anche per il presentatore, Fabio Ricci, non sta a me parlare di me qui. Ma è pur sempre il mio blog mannaggia. Il fantasma della villa, #gertrude, ha approvato questo articolo.

L’ingresso della Villa del Bene

Info

https://www.vallesi.com/

https://www.facebook.com/michelemudnegrini

https://www.facebook.com/annareofficial

https://www.facebook.com/gravityzero.liveacousticvr

https://www.facebook.com/microwave.rockband

https://www.facebook.com/solocloude

www.villadelbene.com

Ti è piaciuto questo post?  vuoi ringraziare offrendomi un caffè? C’è Paypal