Assalto ai biglietti del Boss? Risponde Claudio Trotta

claudio trotta

Avevo una fidanzata che stava la notte on line per essere sicura di prendere i biglietti per il concerto di Bruce Springsteen del momento. Sono sicuro che l’avrà fatto anche questa volta (ciao Sgnappy) ma questa volta erano in troppi e tutti volevano gli stessi posti… insomma e’ successo di tutto e Claudio Trotta (Barley Arts) da quel signore che è ha risposto, tramite i social network, alle polemiche e proteste. Per chi non l’avesse intercettato ecco il suo sfogo/risposta. Giuro non ho chiesto l’accredito 😀

***

“cari tutti che non avete potuto acquistare il vostro biglietto preferito per san siro e/o che avete fatto una gran fatica a comprarlo e/o che siete incazzati perchè dei siti gestiti da gente senza scrupoli ma purtroppo nel rispetto delle leggi vigenti(sigh!!!!)vende dei biglietti a dei prezzi stratosferici siete ovviamente liberi di pensarla come volete,di immaginare tutte le speculazioni alle vostre spalle da parte nostra,tutti i disservizi e incapacità che volete ma la VERITA’ è che noi abbiamo fatto e facciamo le cose per bene e che non abbiamo niente di cui sentirci in colpa.
La verità è che alle 10 del mattino di sabato c’erano già 12 mila persone On Line sul sito di Ticketone per una potenziale vendita di 48 mila biglietti visto che abbiamo limitato ogni transazione a 4 biglietti E CHE OVVIAMENTE VISTO CHE LA MAGGIOR PARTE DI QUEI 12 MILA VOLEVANO I BIGLIETTI DI PRATO molta gente è rimasta senza.
Il resto: le attese,la momentanea indicazione di indisponibilità ecc. sono tecnicismi che vi invito, se ne avete voglia, a farvi spiegare da Ticketone che per la cronaca è di proprietà di EVENTIM una delle due maggiori società mondiali di vendita di biglietti nel mondo e che utilizza gli stessi sistemi utilizzati in Germania tanto per citare un paese dove sicuramente molti di voi comprano biglietti e che portano ad esempio di efficienza.

La verità è che: o si abdica al biglietto nominale che significa LIMITARE LA LIBERTA’ DELLE PERSONE e SIGNIFICA SCHEDARLE COME IN UNO STATO DI POLIZIA o si convive CON IL BAGARINAGGIO ELETTRONICO LEGALIZZATO fino a quando NON CI SARANNO A LIVELLO DI COMUNITA’ EUROPEA DELLE CHIARI LEGGI CHE LO VIETINO.
Se avessi voluto fare il poliziotto avrei scelto di farlo tanto tempo fa ma ho scelto di fare l’imprenditore indipendente e sempre in prima linea e sempre disponibile ma questo non autorizza nessuno ad insulti gratuiti e a congetture di qualsiasi genere.
Grazie a tutti quelli che come me rispettano il lavoro e la musica.
A presto.”
Annunci