Talento: Andrea Bandel e la sua storia ad otto dita

IMG_4769

Questa sera è stato presentato (prima del concerto nello stesso) al Teatro Verdi di Milano il disco dell’Andrea Bandel Ensemble. L’occasione è stata propizia per incontrare l’artista e fargli qualche domanda, scoprendo così la sua storia così particolare. Ho fatto anche qualche foto che trovate qui

Partirei dal titolo che è così particolare come mai Eight Fingers… otto dita?

È una lunga storia, davvero… da ragazzo suonavo il violino (diplomato presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano n.d.r.) a discreti livelli, poi improvvisamente due dita della mano sinistra hanno iniziato a non rispondere più, perdevo sensibilità e tocco fino all’impossibilità di suonare. Mi operarono al carpale e poi via da vari specialisti. Alla fine mi dovetti arrendere e smettere di suonare il violino”

Per fortuna c’era il complementare al conservatorio

“Si per fortuna il pianoforte mi ha attratto e con lui la composizione. Già mi piaceva e me ne interessavo, ma fu davvero la mia fortuna”

Hai saputo trasformare, come si dice nel buddismo, il “veleno in medicina”

Già non è stato facile, è stato all’inizio molto frustrante. Anche con il pianoforte avevo quelle due dita in meno, così mi sono inventato un modo un po’ mio di suonare. Fortunatamente le due dita sono sulla sinistra quindi maschero bene questa difficoltà”

A questo punto facciamo parlare la musica con un pezzo che ho registrato al mini show case (li abbiamo dovuti fermare perché ci stavano facendo un concerto privato in anteprima del concerto vero che sarebbe arrivato l’ora successiva, che bello vedere musicisti entusiasti)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...