Davide Verazzani a Milano racconta gli Sforza

Davide Verazzani a Milano racconta gli Sforza

(di Fabio Ricci)

Venerdì 5 agosto 2022, dalle ore 21, al Castello Sforzesco di Milano ci sarà la serata dedicata all’antica famiglia del ducato, dal titolo “Game of Sforza”. A condurre le danze Davide Verazzani che ha scritto e interpreta questo spettacolo a metà tra il teatro e la divulgazione. Sulla nobile, partita per nulla nobile, famiglia milanese che in pochi anni ne ha combinate di ogni nella città. C’è molto da raccontare e il paragone con la nota serie tv “Game of Thrones” in Italia tradotto con “Il trono di spade”, senza dimenticare il fatto che in quegli anni, alla corte di Ludovico il Moro, arriva Leonardo da Vinci. Giovane e in cerca di consacrazione sarà l’animatore della città in ogni senso, ma non voglio spoilerare troppo.

La locandina dello spettacolo

Davide a #leintervistesuldivano

Naturale invitare il nostro Verazzani a #leintervistesuldivano, per poi scoprire che abitava esattamente, piccolo il mondo, nel mio stesso palazzo due piani sopra. Milano non è così grande in effetti, così ci siamo ritrovati anche a chiacchierare della storia di questa casa che la sua famiglia ha abitato, ma anche lavorato, per tanti anni. Davide, da buon story teller, ne ha sempre tante da raccontare. Ha già scritto parecchi lavori che piano usciranno, il primo ad essere raccontato è stato quello dedicato ai Fab Four, sui The Beatles figurati con me si va a nozze. Tra l’altro avevo una maglietta proprio quel giorno dedicata a loro con “Help!”. Vi lascio con le note della produzione e con l’invito a non perdervelo, io di sicuro ci sarò. 

Lo spettacolo

“Game of Sforza” racconta, in 90 minuti coinvolgenti e senza respiro, la storia della famiglia degli Sforza che governò il Ducato di Milano dal 1450 al 1499, e in soli 50 anni sconvolse la città, portando gloria militare, progresso e cultura. Con gli Sforza, Milano divenne una capitale temuta e apprezzata, che cambiò il suo volto grazie al genio di Leonardo Da Vinci e alla costruzione del Castello Sforzesco e del Naviglio della Martesana. Quella degli Sforza è anche una storia di intrighi e potere, passioni e amori, alleanze e tradimenti. Davide Verazzani, drammaturgo e scrittore, racconta in uno spettacolo divertente ma rigoroso il passato della città di Milano, accorgersi di quanto sia simile al presente e, perché no, meravigliarsi di quanto serie fantasy come Game of Thrones non abbiano inventato quasi nulla. 

Davide Verazzani durante Game of Sforza

Chi è Davide Verazzani

Davide Verazzani, nato nel novembre 1965 a Milano, dopo una laurea in economia e tanti anni come manager e consulente, studia recitazione, regia, drammaturgia e organizzazione teatrale Nel 2015 un suo testo teatrale su Neil Aspinall, road manager dei Beatles, è stato rappresentato, con il titolo A life with the Beatles, la regia di Andy Corelli e l’interpretazione di Ian Sexon, al Fringe Festival di Edimburgo, e nel novembre 2015 presso il King’s Head Theatre di Londra. Il testo teatrale è poi diventato un libro biografico, uscito nel 2017 con il titolo L’ultimo Beatle presso Bietti Editore. Nel 2016 ha creato il progetto Fatti di Storia consistente in spettacoli di teatro di narrazione relativi a fatti realmente accaduti visti sotto aspetti diversi dal solito o inseriti in un contesto più ampio. Gli spettacoli del progetto sono stati rappresentati in tutta Italia; fra questi, Game of Sforza, cioè la storia sforzesca narrata come se fosse una puntata della celebre serie tv Game of Thrones, è risultato sold out per 6 anni di seguito (dal 2016 al 2021) presso l’Estate Sforzesca Milanese. Nel 2017 è tra i fondatori del Cinemino, e nel 2018 fonda Bardha Mimòs, associazione culturale che organizza a partire dal 2019 il FringeMI, festival di arti performative a Milano.

Info

Game of Sforza – I 50 anni che sconvolsero Milano di e con Davide Verazzani Venerdì 5 agosto – ore 21 – Cortile delle Armi – Castello Sforzesco – Ingresso Intero 10 € – Ridotto 8 €

https://www.mailticket.it/manifestazione/T033/game-of-sforza

La Milanesiana chiude al Vittoriale con Ara Malikian

Ara Malinkian

La Milanesiana chiude al Vittoriale con Ara Malikian

(di Fabio Ricci)

Si chiude a Gardone Riviera, dove il Garda si racconta in bresciano, La Milanesiana voluta dalla sua mamma, Elisabetta Sgarbi, itinerante. Il grosso degli eventi è stato a Milano e questo 3 di Agosto 2022 si chiuderà con il concerto di Ara Malikian, violinista libanese, virtuso e molto simpatico. Il concerto sarà alle ore 21 e i biglietti, affrettatevi, sono disponibili su TickeOne.

La Milanesiana

Sono stato a diversi eventi dell’edizione di quest’anno, grazie agli inviti dei ragazzi di Parole e Dintorni, tutte serate diverse con uno spaziare dall’alto al basso, dove il basso è solo popolare non certo inferiore. Con serate pensate per un pubblico vario, a me sono sempre interessate parecchio. Mi sono visto cose che magari non sarei andato a vedere e invece, piacevoli scoperte. Per questo non posso dire altro che: Brava Elisabetta, l’impegno premia. Sarà un piacere essere al Vittoriale a farli di persona questi complimenti. Il tema centrale, il filo rosso, era “Omissioni” e direi che non sono state fatte omissioni

Ara Malikian

Ara Malikian, genio del violino e animale da palcoscenico, propone un repertorio unico nel suo genere: eclettico e brillante, trasversale, conosciuto in tutto il mondo per il suo modo unico di far incontrare sapientemente la musica classica con le sonorità della tradizione del Medio-Oriente, del Gipsy, passando dal Flamenco al Latino-Americano in chiave cubana, fino alle più sofisticate citazioni classico-barocche, fondendo il tutto con il rock’n’roll, sferzate di punk e accenni di elettronica. Il suo talento fu chiaro fin dalla giovane età: nonostante le circostanze difficili dettate dalla guerra civile in Libano, trovò rifugio dalle bombe studiando musica. Per il suo grande ritorno in Italia, sarà accompagnato da una spettacolare band, composta da eccellenti musicisti cubani: Ivan Melon Lewis (piano), Ivan Ruiz Machado (basso), Georvis Pico Milan (batteria) e Dayan Abad (chitarra). Il musicista presenterà uno spettacolo cross-over tra concerto, performance ed esperienza mistica, emozionante e frenetica. Sarà l’occasione per suonare dal vivo, per la prima volta in Italia, il suo nuovo lavoro discografico omonimo “Ara”, album dedicato e ispirato al figlio, nonché alla riscoperta dell’infanzia, dello stupore, della fantasia, dei linguaggi, dei suoni del mondo magico e libero della fanciullezza.

Elisabetta Sgarbi

Info

Prevendite www.ticketone.it/event/ara-malikian-teatro-del-vittoriale-15249120/

#lamilanesiana2022

http://www.lamilanesiana.eu – www.elisabettasgarbi.it

Facebook La Milanesiana – Elisabetta Sgarbi

Instagram @lamilanesiana – @ElisabettaSgarbi

Twitter @LaMilanesiana – @ElisabettaSgarbi

YouTube La Milanesiana – Elisabetta Sgarbi/Betty Wrong

Elena Zucchi presenta “Le scintille di Alma”

Elena Zucchi presenta “Le scintille di Alma”

Questa sera Mercoledì 27 Luglio 2022, dalle ore 19, presso il Mercato Centrale della Stazione Centrale di Milano si terrà la presentazione del libro “Le scintille di Alma” opera prima della scrittrice milanese Elena Zucchi. Sarà la seconda presentazione del libro, la prima gremitissima, ad inviti per suddividere gli amici di Elena davvero numerosi. Con l’occasione è passata per #leintervistesuldivano dove si racconta sia come autrice sia come persona.

La scrittrice Elena Zucchi

Le scintille di Alma

Il libro verrà presentato con la moderazione di Sofia Scatena ed è pubblicato da Arkadia. Nella collana Eclypse. 228 pagine disponibile anche su Amazon a 15.20 Euro (edizione copertina flessibile) a questo link https://amzn.to/3bh4ZLg

#lescintilledialma

Info

https://www.facebook.com/ElenaZucchiScrittice

#lescintilledialma 

Al Legend di Milano la Finale 2022 di Rock Targato Italia

Per i 30 anni avevo ospitato Francesco Caprini agli albori de #leintervistesuldivano

Al Legend di Milano la Finale 2022 di Rock Targato Italia

Con il Patrocinio della Regione Lombardia Assessorato Autonomia e Cultura, torna la finale di Rock Targato Italia, concorso di culto della scena italiana. Sarà spalmato tra venerdì 20 luglio e sabato 30 con esibizioni, panel e tanto altro. Organizzato da Divinazione, la storica agenzia artefice del successo di tutti i grandi del rock nazionale, si propone sempre di scoprire talenti da tutta la nazione. Nata con il compianto Stefano Ronzani, ha visto negli anni non calare l’impegno. Direi che abbiamo molto bisogno di concorsi seri. Ingresso libero, accorrete!

Ed ecco anche Paolo Pelizza

Ecco il programma intero

Rock Targato Italia, giunto alla trentatreesima edizione, è organizzato dall’Associazione Culturale Generazione Europea con il supporto a livello nazionale dell’Ufficio Stampa e Comunicazione Divinazione Milano della logistica e ospitalità del LegendClub Milano e la partecipazione del media Televisivo RockerTV.

RockerTV realizzerà interviste di approfondimento musicale agli ospiti e artisti. 

ALTRE NOVITÀ ASSOLUTE

a) Premio Sennheiser 

Il premio messo in palio dalla storica azienda sarà consegnato alla band CIRCUS PUNK

b) Rete Artisti Spettacoli per l’Innovazione.

Con la partecipazione a Rock Targato Italia – il più importante rock contest nazionale impegnato nella continua scoperta e diffusione di realtà musicali innovative – la R.A.S.I. intende informare i giovani artisti sui diritti connessi, oltre a non farli sentire soli, assistendoli ed indirizzandoli soprattutto durante i primi passi. Bandi e concorsi compresi.

Rock Targato Italia 2022 ha il Patrocinio della Regione Lombardia. 

Tra gli artisti che si esibiranno questa interessante band metal

Programma: 

Concerti elettrici e performance acustiche

Incontri

Premi Artistici

Venerdi 29 luglio 2022
Area Esterna
ore 15:30INCONTRIConsegna Targa “Una Vita per la Musica”Incontro/dibattito/musicale con MIMMO PAGANELLI
Direttore Artistico della società EMI Italiana (Vasco Rossi, Francesco Guccini, Franco Battiato). Ospite Marco Di Noia che si esibirà con una strana chitarra/tastiera dal nome “Artifact” accompagnato da Lorenzo GhiriNGhelli che l’ha inventata.
ore 16:30INCONTRIChi sono i collezionisti?Incontro con Arch. CARLO LECCHI
Fondatore e presidente dell’AVI – Associazione Vinile Italiana – Cultura Costume Collezionismo. Parlerà di hobby e collezionismo e del valore affettivo dei memorabilia musicali. AVI – Associazione Vinile Italiana – cultura – costume – collezionismo viene fondata da Carlo Lecchi, presidente, architetto Simonetta Bonfadini e Milo Goy direttore di testate giornalistiche e ceo di Art Relation, nasce ufficialmente il 22 marzo 2017 con l’evento al Mondadori Megastore di Piazza del Duomo a Milano dal titolo “ritorno al Vinile, moda o trend”. Associazione senza fini di lucro la cui mission è di trasmettere, far conoscere il piacere dell’ascolto della musica su vinile, promuovendo direttamente o partecipando a eventi di musica e Cultura. 
ore 17:00INCONTRIConsegna Targhe:”Miglior etichetta 2021″ I DISCHI DEL MINOLLO”Premio Sennheiser” ai CIRCUS PUNK”Premio Miglior Live” a gianCarlo Onorato”Premio Stefano Ronzani” a OMAR PEDRINI
ore 17:40INCONTRI“Dai suoni alla carta”Incontro con ROBERTO BONFANTI (Musicista e Scrittore) PIERALBERTO VALLI performance musicale con chitarra acustica.
Pieralberto Valli presenta “Il Nodo”, premiato da Rock Targato Italia come miglior libro scritto da un musicista nel 2022: un romanzo ambientato in un futuro distopico che, con uno stile tanto lucido quanto evocativo, dà corpo all’incubo del transumanesimo e riflette sul senso umano del dolore.
ore 18:30INCONTRI
Concerto acustico della band I FASTI
Sala Concerti:
ore 21:00CONCERTIFRAGMENTS OF SORROW + SUNSET AVENUE (selezione RockerTv)
ore 21:20 CONCERTIFARORSO
Ore 21:40CONCERTIMINIMO VITALE
Ore 22:00CONCERTICIRCUS PUNK (vincitore RTI 32 ed)
Ore 22:25CONCERTIIL PESCE PARLA (vincitore RTI 31 ed)
Ore 23:00CONCERTIMARIO RISO con MOVIDA e REZOPHONIC
Sabato 30 luglio 2022
Area Esterna
ore 15:30INCONTRIConsegna Targa “Una Vita per la Musica” a MAURO PAOLUZZI Incontro con Mauro Paoluzzi produttore musicale (Gianna Nannini, Patty Pravo, Roberto Vecchioni) Un incontro dibattito all’insegna della professionalità artistica musicale e storia della musica italiana.Ospite con intervento musicale dell’artista Ilaria Argiolas (cantautrice).Mauro Paoluzzi, tra gli altri artisti con cui ha collaborato in varie occasioni vi sono: Antonello Venditti, Franco Fanigliulo, Adamo, Mango, Mimmo Locasciulli, Loredana Bertè, Renato Pareti, Scialpi, Bluvertigo.
ore 16:10INCONTRIConcerto acustico di ANDREADIECI (cantautore) con Davide Castelli (chitarra) 
ore 16:25INCONTRIConcerto acustico di LOGAN (cantautore)
ore 16:40INCONTRIConsegna Targhe
”Miglior Album 2021″ BACHI DA PIETRA
”Miglior Album 2022″ ALTERIA
”Miglior Etichetta 2022″ DISCHI SOVIET STUDIO
”Artista Rivelazione 2022″ IL PEGGIO È PASSATO
ore 17.10INCONTRIIncontro con PAOLO PELIZZA (Musica e Letteratura)
Le canzoni come tutti sappiamo hanno il testo … quanto pesa il testo? Dipende. Per i cantautori vale più della musica. Dal Lieder alla musica leggera: il Re degli Elfi e De André, gli Afterhours e Bennato. Pound e la rivelazione sul fatto che la poesia sia più vicina alla musica più che alla letteratura. Ezra Pound scrive anche un pamphlet sugli intervalli in musica illuminante. Alcuni testi che sono diventate canzoni di successo. 
Da Coleridge a Steinbeck.I cantautori americani Guthrie, Seeger e Dylan.
Il Nobel … Dylan ha mai fatto letteratura?
ore 17:30INCONTRIconcerto acustico della band AYMARA
ore 17:50INCONTRIconcerto acustico del duo US
ore 18:10INCONTRIconcerto acustico della band DINAMIKA
ore 18:30INCONTRIincontro con ROBERTO MAFREDI ospite LEMURI IL VISIONARIORoberto Manfredi e Lemuri il Visionario presentano un racconto sulla scena musicale italiana degli ultimi trent’anni. Da VIDEO MUSIC a oggi. Dal libro Talent Shop (DAI TALENT SCOUT AI TALENT SHOW) di Roberto Manfredi che racconta come è cambiata la musica, la discografia e la stessa fruizione musicale in Italia e dalla pluriennale attività artistica di Lemuri il Visionario, dal punk al prog, dalla dance e dalla canzone d’autore, nasce un racconto che unisce il talk show e la musica live degli ultimi trent’anni. 
ore 19:10INCONTRIconcerto acustico di LEMURI IL VISIONARIO (cantautore)
Area Esterna
ore 21:00CONCERTIconcerti delle band LUCAS LOPEZ, ATWOOD, BREAK ME DOWN

CHE COS’E’ ROCK TARGATO ITALIA?

Rock Targato Italia dal suo debutto nel lontano 1987, vanta risultati importanti, come ad esempio, il successo ottenuto da artisti emersi grazie al lavoro di scouting svolto durante le varie edizioni: Litfiba, Ligabue, Timoria delle prime edizione, successivamente Subsonica, Giulio Casale, infine Zibba, le Vibrazioni, con realtà più vicine a noi i Circus Punk di Milano. 

Rock Targato Italia ha costruito e valorizzato una scena musicale ai tempi sconosciuta, realizzando una filiera innovativa – dalle produzioni discografiche ai concerti, video e sostegno promozionale agli artisti.

Rock Targato Italia è un innovativo network di comunicazione tra artisti, etichette, promoter, giornalisti, canale personalizzato YouTube, comunicazione fisica e liquida. 

https://www.youtube.com/channel/UC0rqO2XRmJVI-FyOKLQxC4Q

https://www.facebook.com/groups/RockTargatoItalia

Domenica al Tittoni i Clandestino, in apertura Lapolveriera

Domenica al Tittoni i Clandestino

di Fabio Ricci

Domenica al Tittoni i Clandestino, storica band rock italiana, noti per essere stati i musicisti dei primi lavori di Ligabue. Che Luciano non ha mai dimenticato, infatti non smette di averli intorno ai vari Campovolo. Ma sono davvero una live band, con tre LP, cito a memoria, con tante belle canzoni. Sicuramente non sono da perdere, con loro in apertura una band di Verona per la quale stravedo, sempre di Anthill Booking, Lapolveriera. Anche quest’anno il festival è stratosferico per nomi e qualità, ma sicuramente Domenica 26 giugno 2022 non potete mancare, se vi piace il rock e la gente che suona sul serio. Io prima fila!

Il nuovo LP “L’Essenza”

Una conferma, ascoltare il nuovo dei Clandestino è assolutamente come avere appena finito di passare il cd di “Cuore Stomaco e Cervello” anche se sono passati più di 20 anni. Ero tra Discoradio e Radio Zeta, ebbi il piacere di ospitarli e intervistarli diverse volte. Sono cambiate tante cose intorno a noi, nel mondo, tra i ragazzi è rimasta una voragine con la scomparsa di Luciano Ghezzi “Grazie per i giorni”. Colonna portante della band che completava la ritmica con Gigi Cavalli Cocchi, poi alla chitarra Max Cottafavi e tastiere di Gianfranco Fornaciari. Il nucleo centrale della band che ha aiutato le fortune di Ligabue ad inizio carriera. Ho avuto la fortuna di vederli suonare prima del grande successo, ormai qui siamo a 30 anni orsono, vecchio Fabio, in un locale a Monticelli d’Ongina in provincia di Piacenza. Ritrovo ne “L’Essenza” tutta la loro qualità che che mi aveva colpito dalla prima sera e nei lavori precedenti. Una rockgaranzia.

Gigi Cavalli Cocchi

Quello che, se non li hai incontrati non si sa, è che sono anche persone che vale la pensa di conoscere. Con Gigi ho avuto il piacere di lavorare con Lassociazione e vederli live più volte. Ma vabbè non serve che ricordi la qualità della persona, lo sappiamo. Oltre che gran batterista è anche un talentuoso della grafica e dell’illustrazione, nel senso che sa occuparsi a 360° di quello che non suona ma si vede.  Ci siamo capiti che lo stimo un sacco! ah nel video qui sopra la presentazione milanese del suo libro.

La band oggi

Gigi Cavalli Cocchi è stato batterista dei C.S.I. (Consorzio suonatori indipendenti, ex CCCP) per 6 anni, realizzando l’album del loro unico disco d’oro “Tabula Rasa Elettrificata” e altri 3 album, per poi affiancare Massimo Zamboni chitarrista della band nella sua carriera solista. Max Cottafavi, oltre a suonare ancora con Ligabue ha collaborato con Francesco Renga, mentre Gianfranco Fornaciari ha collaborato con Marlene Kuntz e The Gang. Nel gennaio dell’anno scorso è arrivata la tanto attesa reunion ed hanno composto il materiale per un nuovo album l’essenza realizzate nello “Zoostudio” di Ligabue e pubblicato il 27 maggio di quest’anno.  Clan Destino: Gianfranco Fornaciari: Voce e tastiere, Max Cottafavi: Chitarre, Gigi Cavalli Cocchi: Batteria e percussioni, Mirco Consolini: Basso (con il gruppo dal vivo, Eugenio Cattini: chitarra)

In apertura Lapolveriera qui a #leintervistesuldivano

Info

Home Wave

concerti con Anthill Booking +39 328 6711697

https://www.facebook.com/events/424146939559807/

Mara, Sandra e Orietta in vacanza con “Quelle brave ragazze”

Mara, Sandra e Orietta in vacanza con “Quelle brave ragazze”

L’idea è prendo due amiche e parto, giocando un po’, idea di Mara Maionchi per un nuovo format davvero simpatico. Perché oltre alla produttrice discografica, da anni personaggio televisivo, ci sono l’innocenza stralunata di Sandra Milo e l’ironico pragmatismo di Orietta Berti. Il programma è davvero carino, si guarda sorridendo e spesso strappa delle vere risate. Non cedono alla tenerezza, anzi esce il loro lato tosto di tre donne che nelle rispettive carriere hanno saputo imporsi e a farlo nel tempo. Si parte dal 19 maggio 2022 su Sky Uno e Now Tv

In onda su Sky

Quelle brave ragazze” riscrivono un personale “On the Road” in salsa spagnola, vagando per suggestive località iberiche. Il pepe sono le missioni che devono compiere, nulla di così particolare è giusto la scusa per accompagnare la narrazione, che sia meno fine a se stessa. L’impressione è che riescano ad essere molto naturali, cosa sempre rara in televisione. Forse con l’età si possono permettere, direi giusto, la libertà di essere loro stesse o qualcosa di molto vicino. Nel video qui sopra la conferenza che già da una bella idea di cosa sarà il programma. 

La produzione

Lo show è una produzione Sky Original, realizzata da Blu Yazmine da un’idea di Mara Maionchi. Con loro Alessandro Livi, italo spagnolo, che le accompagnerà in questa avventura con il giusto garbo. Si parte da Milano, con un volo diretto a Madrid, si proseguirà con Siviglia, poi il deserto di Tabernas, Granada e infine Valencia. Ne combineranno di tutti i colori tra cui: dalla spesa nel mercato per una cena speciale all’incontro con un bizzarro supereroe, dalla conoscenza con una confraternita religiosa a un’esibizione di caliente flamenco, dalla rievocazione di una scena in piena atmosfera Spaghetti Western a un’esperienza olistica. Fino al volo a bordo di una mongolfiera. Mangeranno e cucineranno paella e tapas, cammineranno in alcune delle strade e delle piazze spagnole più belle e famose, vivendole di giorno e “by night”, diventeranno delle perfette flamenche, e ancora, proveranno gli abiti più tradizionali della cultura spagnola e scopriranno le segrete consuetudini locali, senza disdegnare anche un pizzico di trasgressione diventando le protagoniste di un concerto metal e delle serate nei locali più divertenti delle città in cui faranno tappa.

Info 

Su Sky Uno e Now, da un’idea di Mara Maionchi. Autori: Angelo Ferrari, Marta Marelli, Lorenzo Almansi, Luana Picardi, Ferdinando Sorbo. Regia: Riccardo Valotti. Produzione a cura di: Nicolò Nardini, Matteo D’Arcangelo.

Presentato il programma de “La Milanesiana 2022”

Presentato il programma de “La Milanesiana 2022”

di Fabio Ricci

Lo scorso martedì, al Piccolo Teatro di Milano, è stato presentato il programma de “La Milanesiana 2022” con la presenza del Sindaco di Milano Beppe Sala, soprattutto della sua ideatrice Elisabetta Sgarbi. Presenti anche: Tommaso Sacchi (Assessore alla cultura del comune di Milano), L’Assessore all’Autonomia e Cultura Regione Lombardia, Stefano Bruno Galli e Piergaetano Marchetti (Presidente Fondazione Corriere della Sera). Galli e Sacchi in leggero ritardo e un po’ fulminati da Sala, puntualissimo. Note di colore a parte, la presentazione è stata di poche parole ma di tante date ed eventi. Magari potevamo leggerli nella cartella stampa e potere fare qualche domanda, ma è stata scelta un’altra modalità. La manifestazione si terrà a partire dal 4 giugno fino al 3 agosto, 60 eventi in 20 città. Milano sarà il centro ma si spazia per quasi tutto il nord. Ci saranno 150 ospiti italiani ed internazionali a dare lustro agli incontro. 

La rosa e le omissioni

La Rosa dipinta da Franco Battiato, che fin dalla prima edizione è il simbolo de La Milanesiana, è stata rielaborata anche quest’anno da Franco Achilli. Questa la dichiarazione di Elisabetta Sgarbi, Direttore Artistico La Milanesiana: «Il tema di questa edizione è “Omissioni”. Quello che avremmo dovuto e potuto fare e non abbiamo fatto, che avremmo potuto e dovuto dire e non abbiamo detto. Un tema che ha una gamma vastissima di declinazioni: morali, politiche, giuridiche, estetiche, anche: non esiste letteratura senza Omissioni, come insegnava Eco. E La Rosa contempla i colori dell’Ucraina. Non abbiamo potuto e voluto sottrarci al rumore della storia, e questa guerra, come anche altre guerre, entrerà in questa Milanesiana.

Venti città

Oltre al suo centro a Milano, ovviamente, gli eventi saranno anche a: Sondrio, Bergamo, Seregno, Pavia, Bormio e Gardone Riviera, Faenza, Imola, Dozza, Bagno di Romagna, Cervia e Gatteo a Mare, Torino, Alessandria, Bassano del Grappa, Ascoli Piceno, Firenze, Livigno e Venezia. Sul sito troverete il programma in fase di conferma, ma direi che ormai è tutto chiaro.

Info 

#lamilanesiana2022c- www.lamilanesiana.eu – http://www.elisabettasgarbi.it

Facebook La Milanesiana – Elisabetta Sgarbi – Instagram @lamilanesiana – @ElisabettaSgarbi – Twitter @LaMilanesiana – @ElisabettaSgarbi- YouTube La Milanesiana – Elisabetta Sgarbi/Betty Wrong

“Amma’s way. Un abbraccio al mondo” nei cinema con Nexo 

“Amma’s way. Un abbraccio al mondo” nei cinema con Nexo

Dal 2 al 4 Maggio 2022, Nexo Digital porta nelle solite sale il film documentario di Anna Agnelli dedicato a Mata Amritanandamayi Devi. Nota come Amma (mamma) ha dedicato la sua vita a costruire un Ashram nel Kerala. Il documentario evento è molto ben girato, anche se parlano tutti tranne lei, forse per evitare di esagerare con la celebrazione, in questi casi un po’ normale, di tutta la pellicola. Di certo rende molto sia la sua missione che i valori che propaga a partire dal famoso abbraccio e dal suo sorriso dolce. 

Amma

Nata nel 1953 da una famiglia di pescatori del Kerala, Amma ha scoperto la sua vocazione da bambina. Quotidianamente si recava nel villaggio natale per raccogliere bucce di verdure e altri scarti alimentari per nutrire le mucche e le capre. Fu così che, incontrando ogni giorno gli abitanti più in pena del villaggio, cominciò ad abbracciarli. A chi la criticava rispondeva: “Non li vedo come uomini o donne. Non vedo nessuno diverso da me stessa, questa è la mia innata natura. Il dovere di un medico è di curare i pazienti. Allo stesso modo il mio dovere è consolare chi soffre“. Da allora è iniziato un viaggio che l’ha portata a stringere a sé oltre 39 milioni di persone.

Il Film 

Il film di Anna Agnelli racconta le sorprendenti imprese umanitarie di Amma. Seguendola nella vita quotidiana nel suo Ashram in Kerala e attraverso le interviste a coloro che da anni lavorano con lei, la grandezza di Amma si rivela sotto una nuova luce. Conosciuta in Occidente per il suo famoso darshan, o abbraccio di benedizione, Amma (Mata Amritanandamayi) ha viaggiato instancabilmente in tutto il mondo negli ultimi 35 anni dando vita a sorprendenti iniziative umanitarie. Imprese attraverso le quali ha servito e continua a servire milioni di persone in una moltitudine di modi diversi, come fornire assistenza sanitaria gratuita, istruzione, riparo e soccorso dopo i disastri naturali. L’energia di Amma è quella del cuore (prendersi cura, ispirare, sostenere, potenziare) e non quella del potere che ha ormai mostrato tutti i suoi limiti.

Raccontata da chi e sta intorno

Il documentario propone gli interventi di Swami Amritaswarupananda Puri, Swamini Krishnamrita Prana, Swamini Amritajyoti Prana, Swami Shubamritananda Puri, Swami Shantamritananda Puri, la dottoressa Bhavani Rao, l’ex nuotatore olimpico finlandese Matti Rajakyla (Akhilesh), il ricercatore Sreeram Kongeseri.

Info 

“Amma’s way. Un abbraccio al mondo” di Anna Agnelli è prodotto da Art+VIBES e sarà distribuito al cinema da Nexo Digital solo il 2, 3 e 4 maggio in collaborazione con il media partner MYmovies.it.

Elenco sale e informazioni ulteriori su www.nexodigital.it

Questa sera Lassociazione, opening di NeroLuce, alla Feltrinelli Red

Questa sera Lassociazione, con l’opening di NeroLuce, alla Feltrinelli Red

Questa sera Lassociazione, con l’opening di NeroLuce, alla Feltrinelli Red di Milano, in piazza Gae Aulenti. La serata avrà inizio alle ore 19, ingresso gratuito, con dalla band emiliana preceduta dal talento siciliano, trapiantato a Milano.

Lassociazione

Nasce dall’incontro di Marco Mattia Cilloni (compositore, voce e chitarra) con Gigi Cavalli Cocchi (batterista di Ligabue, C.S.I. e Clan Destino) e lo scrittore Giorgio Riccardo Galassi dà vita a Lassociazione, gruppo folk-rock elettroacustico che fa breccia nel cuore di un folto pubblico grazie a canzoni che parlano di gente e storie vissute, mischiando i dialetti del crinale alla lingua italiana e celebrando la cultura e i valori dell’Appennino Reggiano.

NeroLuce

NeroLuce

Notissimo busker che si esibisce a Milano in ogni dove. Ha anche delle serate dove è “resident” in diversi locali, ha appena pubblicato un singolo che si chiama “Vale ciò che vale”. Ispirato alla storia di DJ Fabo, racconta la difficoltà di essere prigioniero dei propri loop mentali, figuriamoci per chi è immobilizzato in un letto. Non bastasse il suo talento con lui suonerà anche Renato Caruso, grandissimo chitarrista amico di Eventi Milanesi. Ha iniziato a collaborare con Anthill booking e inizia a collezionare aperture davvero interessanti.

Info 

www.lassociazione.com

www.facebook.com/NeroLuce