Biagioni e “Violet Peonie” #intervistemilanesi @biagioniandrea1

Biagioni e “Violet Peonie” #intervistemilanesi

Andrea Biagioni si è presentato, contestualmente all’uscita del suo nuovo singolo “Violet Peonie”. Pubblicato per Adesiva Discografica/Self di Paolo Iafelice, è un lavoro nato dall’idea (il video) di Augusto Titoni, illustratore e stilista, ma anche dello stesso artista toscano che ha scritto il pezzo insieme a David Ragghianti. Ormai va così si fanno dei singoli e poi arriverà un LP, è cambiato il modo di pensare la musica oggi. Io sarò anziano ma preferisco avere un lavoro intero, però quando incontri giovani artisti dotati e con qualcosa da dire si riesce ad avere un dialogo molto interessante. Abbiamo conosciuto Biagioni per la sua partecipazione ad X Factor nel team di Manuel Agnelli, si è subito fatto notare per tecnica chitarristica e qualità vocali. Che in realtà fino a li nemmeno lui si era accorto di sapere cantare bene. Talentuoso e simpatico, cosa volete di più da un artista?

Dice di questa canzone

“Credo fortemente che chi riesce ad essere se stesso oggi sia un eroe. Il brano affronta il tema della ricerca del proprio mondo in cui trovare la forza di scegliere e prendere le proprie decisioni”

Info

www.facebook.com/andreabiagioniofficial

www.youtube.com/user/biagioandre88

www.twitter.com/biagioniandrea1

www.instagram.com/adesivadiscografica

Annunci

Camin tra la musica e piantumare @francescocamin

Camin tra la musica e piantumare

Francesco Camin ha presentato il suo ultimo LP “Palindromi“, il disco che germoglia, lo scorso Martedì 15 gennaio 2019, al Memo Restaurant di Milano. Disco interessante che ha anche una bella iniziativa di valore, perché userà i ricavi per piantumare (le prime in Africa) in zone dove il problema del disboscamento è maggiore. Tra l’altro, ieri sera, oltre a proporre il suo cd ne aveva un’altro in carta intriso di semi. Da piantare e fare germogliare, sono piccole cose ma davvero di grande significato. Il disco è prodotto da Roberto La Fauci e registrato/mixato da Marco Sirio Pivetti, su etichetta Lady Lovely Label con distrubizione Goodfellas.

Ieri sul palco con il cantautore c’erano: Jack Barchetta (basso), Daniele Volcan (batteria e percussioni), Davide Rosestolato (chitarre), Francesco Cannito (pianoforte e synth), Riccardo Sasso (tastiere e synth) e Marco Sirio Pivetti (sound engineer).

 

Francesco

È laureato in Scienze Forestali e Ambientali ma ha deciso di fare altro (il postino nel suo Trentino) così da non essere molto distratto dalla sua vera occupazione: il cantautore. I suoi pezzi però non devono distrarre dalle qualità canore, è anche molto bravo. Ho scelto una cover, il video qui sopra, di Lucio Dalla (“Henna”) non solo per il legame con il bolognese che ho da tanti anni nel cuore. Ma perchè fare Lucio non è da tutti e rendere in suo pezzo della qualità è proprio un test. Come l’ha passato lo potete sentire nel video qui sopra.

Dice di lui

«Sono innamorato degli alberi, li ho studiati durante il mio percorso accademico in campo scientifico e di recente ho voluto sviluppare un’idea che li metta in luce da un nuovo punto di vista, che li veda molto più vicino a noi di quanto siamo abituati a pensare, molto più “insegnanti” di quanto siamo abituati a pensare. Credo che ognuno di noi sia profondamente connesso con ciò che lo circonda e il mio intento è ritrovare questa connessione, nello specifico appunto verso gli alberi. Con il mio disco voglio quindi raccontare questo mio amore e questa mia visione delle cose, e nel concreto sto facendo crescere nuove piante in Africa e Sud America attraverso la mia musica per dare il mio seppur piccolo contributo alla riforestazione della nostra Terra, ho poi aperto un blog e videoblog in cui racconto le piante da un punto di vista più calato nel nostro quotidiano, cercando dei parallelismi con l’uomo. Infine all’interno del mio album ci sarà un disco di carta intrisa di semi, che germoglia davvero se messo sotto terra».

Info

www.francescocamin.com

www.facebook.com/francesco.camin

@francescocamin

www.youtube.com/francescobelow

 

“Attraversando Napoli” con Renato Caruso #milanostasera

“Attraversando Napoli” con Renato Caruso #milanostasera

Stasera ci sarà, a Milano presso il Latin Note di viale Certosa 131, una sera che il chitarrista Renato Caruso dedica a Napoli, come si evince dal titolo della serata “Attraversando Napoli” appunto. Ancora fresco dell’usica del suo “Pitagora pensaci tu”, sarà accompagnato dalla cantante/attrice Filly Lupo e dal mandolinista Raffaele Esposito. Oltre alle sue cose ci saranno omaggi alla grande musica partenopea da Malafemmena e Torna a Surriento” fino a Pino Daniele. Durante la serata ci saranno anche lettura di: Erri De Luca, Luciano De Crescenzo, Matilde Serao e poesie di Totò ed Eduardo De Filippo. Serata davvero notevole, Già solo sentire suonare Renato vale la pena, qui sopra l’intervista che abbiamo realizzato all’uscita del CD pubblicato da iCompany, prodotto da Simone Coen e distribuito da Self. Il garbo in cui l’artista, trapiantato a Milano, suona e accompagna tanti artisti è proprio notevole. È arrivato ad un livello in cui non gli serve nemmeno alzare i toni ma sa quando accompagnare e quando essere protagonista. Oltre tutto è una carissima persona, cosa non così scontata in questo mondo. Ci siamo fatti una bella chiacchierata anche settimana scorsa nella puntata del mio programma a Radio Atlanta Milano (qui c’è il podcast) che lo presenta benissimo. Ci vediamo stasera?

WhatsApp Image 2018-12-05 at 20.39.04.jpeg

Info

www.renatocaruso.eu

www.facebook.com/renatocaruso.official

www.youtube.com/renatocaruso1982

Latin Note” di Milano (Viale Certosa, 131 – per prenotazioni: tel. 02 38001756, e-mail: info@latin-note.it  prima consumazione obbligatoria per chi non cena €15)

Cristiano porta Fabrizio de Andrè live

Locandina tour_Storia di un impiegato.jpg

Cristiano porta Fabrizio de Andrè live

Ho già trattato qualche tempo fa del lavoro che Cristiano de Andrè sta facendo, portandolo in giro e interpretandolo, con il repertorio di suo padre Fabrizio. Dal 30 novembre 2018 partirà il tour “Storia di un impiegato” a 50 anni dal movimento del 1968. Cristiano l’ha rivisto in chiave rock e si fa accompagnare live da: Osvaldo Di Dio (un mito), Davide Pezzin, Davide Devito e Riccardo Di Paola.

Le date

17 e 18 novembre anteprima nazionale al Teatro Piermarini di Matelica (MC)
2 dicembre al Palamazzalovo di Montebelluna (TV)
6 dicembre al Teatro Civico di La Spezia,
2019
15 gennaio al Teatro Carlo Felice di Genova
2 febbraio all’Obihall di Firenze,
7 febbraio al Teatro Regio di Parma
11 febbraio alla Cavea Santa Cecilia di Roma
4 marzo all’Alcatraz di Milano
11 marzo al Teatro Colosseo di Torino

Info

www.facebook.com/CrisDeAndre

www.ticketone.it(preventite)

Cristiano De André_GIU1753.jpg

Giovedì di concorso al Ronchi

Angela iris, cantautrice milanese di 24 anni.

Angela iris, cantautrice milanese di 24 anni.

Giovedì di concorso al Ronchi

I prossimi giovedì di ottobre (4, 11, 18 e 25 ottobre 2018) presso il Ronchi 78 di via San Maurilio 7 di Milano, si terranno le eliminatorie della sesta edizione del concorso musicaleNote d’Autore”, organizzato dal Palbert. Dalle ore 22, i giovani talenti che spaziano dalla canzone d’autore al rap si sfideranno con le loro canzoni. Nella prima serata ci saranno in giuria: il chitarrista Renato Caruso, la cantautrice Federica Abbate (Roma-Bangkok, L’Amore Eternit), Emi lo Zio e DJ Deleterio della Dogo Gang, l’autrice storica Raffaella Riva (Tropicana, Fotoromanza). Nomi davvero di qualità sia tecnica che di scrittura. Per il vincitore ci sono 1.000 euro, che rende la già piacevole competizione molto interessante.

Info

Ronchi 78 di via San Maurilio 7 – Ingresso libero consumazione obbligatoria. Inizio esibizioni ore 22

Palbertmusic – Giacomo Bertacchi (02/89693307 – info@palbert.it)

www.facebook.com/PremioNoteDAutore

Furia: “Addio Barbie” e le altre storie #intervistemilanesi

Furia: “Addio Barbie” e le altre storie

Si chiama “Cantastorie”, perché è esattamente quello che sembra, ed è l’Lp di Furia. Tania Furia! Nome vero, che messo vicino al suo produttore Luigi Albertelli (immenso autore, che tra le tante anche della sigla di “Furia cavallo del West”) fa un po’ ridere. Mentre non fa proprio ridere il lavoro, molto serio, sulle canzoni e sulle storie che sono raccontate. Si va da storie comuni di chiunque agli omaggi tipo Pantani o Pannella, tutti e due dei Marco peraltro. Insomma per rendere giustizia al titolo che si è autodata, è proprio una cantastorie. Il singolo in promozione si chiama “Addio Barbie” e inquadra molto bene il peggior incubo di ogni famiglia, una figlia adolescente. Ma poi passa ci vuole solo pazienza.

L’intervista

L’intervista qui sopra l’ho proprio cercata io, dopo averla vista suonare live a Milano. La sua agenzia stampa, l’Altoparlante, aveva organizzato uno show case di gruppo con tanti suoi artisti. Per la verità c’erano parecchie cose interessanti, ma Tania mi aveva colpito in maniera particolare. Perché è molto originale, non ricorda nessuno. Che è una delle cose che maggiormente apprezzo in un artista che si sta facendo conoscere, in un mondo dove si sentono facilmente i riferimenti al primo ascolto. Così l’ho invitata sul mio divano al primo passaggio utile, ma sorpresona è arrivata accompagnata da Albertelli. Che meriterebbe un’oretta di intervista solo lui, la prossima volta non mancherò.

Live

Furia è molto brava e si accompagna con dei video nei live. Cosa molto adatta a chi vuole raccontare storie. Così come ai tempi si giravano i cartelloni con le illustrazioni lei canta con un film dietro le spalle. Il suo look molto particolare, da Corto Maltese, con i capelli cortissimi rimandano una immagine quasi androgina. Eppure resta molto femminile, come se non si potesse mettere da parte esserlo. Personaggio davvero particolare e interessante, da approfondire.

Info

https://www.instagram.com/iosonofuria/

https://www.facebook.com/IoSonoFuria

https://www.youtube.com/channel/UCDVNG4Z2aOwExbStANKvAgg

intervista di www.fabioricci.it

“2 Minuti di calma” con @EdwynRoberts #intervistemilanesi

“2 Minuti di calma” con @EdwynRoberts #intervistemilanesi

Magari lo ricordate ad Amici, ma Edwyn Roberts si è fatto conoscere come ottimo autore in questi anni. Però resta un artista talentuoso ed ecco che, una volta tanto, si è ritagliato un pezzo (ma presto un LP) per se. La canzone che anticipa questo, prossimo, lavoro si chiama “2 minuti di calma” ed è accompagnata da un video davvero carino (che vedete sotto). Poi scopro che è figlio di un liutaio argentino che ha lasciato il suo paese per questo mestiere, che già bastava per starmi simpatico, ma soprattutto viene da Cremona nella quale provincia ho passato gran parte della mia vita: CAT!

L’intervista e la Curci

Così incuriosito da questo pezzo sono andato a trovarlo nella sede delle Edizioni Curci (dove c’è anche la sorella Carosello Records), proprio a fianco del Duomo di Milano. Era qualche tempo che non andavo nella casa guidata da Alfredo Gramito Ricci, ma no non siamo parenti, è rimasto tutto uguale o quasi a quando ci si andava invitati da Matteo Foà che si occupava della promozione. Sembra davvero passato un secolo da quando ci lavorava questo caro amico, ma l’atmosfera molto famigliare di questa azienda che ha il tiro del casalingo ma il fatturato di una major con le sue edizioni. Edwyn è stato notato proprio per il suo talento d’autore, perché Curci fa proprio quello: scova talenti. L’artista cremonese ha scritto per: Laura Pausini, Malika Ayane, Arisa, Paola Turci, Giusy Ferreri e Chiara Galiazzo tanto per citare le più note (tutte donne). Ma oggi parliamo di lui e della canzone che si è scritto, perché del suo autore si fida molto!

Info

https://twitter.com/EdwynRoberts

https://www.facebook.com/EdwynRobertsOfficial/

www.morningbell.it

intervista di www.fabioricci.it