Belita torna, dal Brasile, con Jefa

e7df9c4b-f384-4cc6-a05d-ab6576c0d11f.jpg

Belita torna, dal Brasile, con Jefa

Torna con nuovo singolo, dal titolo Jefa, la cantante performer Belita. Ma torna anche dopo alcuni mesi passati in Brasile, tra promozioni, interviste e l’esibizione su un carro del famoso carnevale, sfruttando il suo essere madrelingua che l’aiuta sicuro. L’altra metà è invece ancorata tra Pordenone, dove è nata e dove sono le origini del padre, e Milano dove vive. Ha un progetto con il talentuoso stilista Luca Malaguti che le cura gli abiti.

Talento

Il talento è notevole, canta e balla molto bene, ma soprattutto è di una rara simpatia. L’ho già incontrata per #leintervistesuldivano e metto qui sotto il video. Nel frattempo è stata anche una delle protagoniste dello speciale di Rai 1 curato da Cinzia Fiorato dedicato agli artisti di seconda generazione. Appena tornata, eccole un paio di domande per conoscere come ha lavorato alla sua promozione in Brasile.

4472725b-d618-4887-a9dc-a2ba2eb354e9.jpg

Un San Valentino diverso in Brasile?

“Direi, il 14 Febbraio, sono stata invitata a partecipare alla diretta del programma “Universo“, condotto da Alex Lopes, della Tv Aratu (SBT), a Salvador Bahia. In quell’occasione ho cantato quattro tra i miei singoli, raccontato del mio lavoro e, siccome tutti i brasiliani adorano gli italiani, mi hanno fatto anche parlare in italiano. È stata un’esperienza indescrivibile, perché non è una cosa da tutti i giorni cantare in diretta televisiva per milioni di telespettatori, quindi ero spaventata, ma allo stesso tempo sicura e serena.”

0055cd2a-45fe-401c-9215-abee40fed4f0.jpg

Non bastava la televisione…

“Infatti, sono stata intervistata dal famoso Josenel Barreto di Radio Excelsior FM, con la partecipazione speciale della cantante brasiliana Sarajane. Abbiamo parlato del mio album “Agora Ou Nunca” chiedendomi i dettagli del processo creativo e della mia scelta di cantare in spagnolo, nonostante sia italo-brasiliana. Inoltre abbiamo fatto un bilancio della mia carriera nel 2019 e della mia aspettativa sul lancio del mio nuovo singolo “Jefa“.”

89ed76e4-315d-468f-a16f-0e6b8671ffde.jpg

Ma poi si può non cantare al carnevale?

“Vero? Grazie al cantante TH, ho avuto l’opportunità di partecipare al carnevale di Salvador, nel quale ho cantato in portoghese, di fronte a milioni di persone. Inizialmente credevo che sarei stata nervosa di dover cantare per un pubblico così grande, però mi sono immediatamente sentita a mio agio con il cantante e con il pubblico di brasiliani e non solo. È stata una grande soddisfazione poter fare questa esperienza che mi porterò nel cuore tutta la vita.”

2e1d5a30-db19-483c-8564-e5711baf9350.jpg

Per fortuna che stavi per tornare in Italia,,,

“Durante il carnevale 2020 di Salvador, ho potuto inoltre partecipare a due interviste: la prima per AratuOn, condotta da Maiane Nogueira e Murilo Vilas Boas, nella quale abbiamo fatto una lunga chiacchierata sulla mia esibizione al concerto di TH, sulle differenze e analogie tra Italia e Brasile e cantare a cappella il mio nuovo singolo “Jefa”. Nella seconda intervista, per il programma SBT Folia, condotto da Alex Lopes e Lise Oliveria, oltre a domande sulla mia carriera, mi è stato chiesto cosa ne pensassi del carnevale brasiliano e quale, secondo me, sarebbe stata la canzone vincitrice del carnevale 2020.”

Biografia

Belita (Isabella Dall’Agnese) è nata a Pordenone da padre italiano e madre brasiliana. Dopo i favorevoli risultati raggiunti dall’ultimo album “AGORA OU NUNCA” e da “Comando”, il singolo che lo ha anticipato e che gli ha permesso di partecipare allo Speciale di RAI 1 presentato da Cinzia Fiorato (andato in onda lo scorso 11 gennaio), arriva in radio il 28 febbraio il singolo che anticipa il nuovo progetto discografico in uscita nell’autunno 2020.

Jefa

“Jefa” racconta la storia di una donna padrona di se stessa, sensuale, potente, indipendente e allegra. Il brano è caratterizzato da un ritmo forte e coinvolgente, da toni accattivanti e da una carica di quell’energia che si sprigiona quando si balla, godendosi la vita appieno ed approfittando di ogni suo attimo.

Info

www.belitaofficial.it

www.instagram.com/therealbelita/

www.facebook.com/therealbelita/

https://www.youtube.com/channel/UCfOFRYR5fR8XAPfkUzG4wjA

 

***

Ti è piaciuto questo post?

vuoi ringraziare offrendomi un caffè?

C’è Paypal

Chi Bolle a capodanno, balla tutto l’anno @raiuno

Chi Bolle a capodanno, balla tutto l’anno

Questa sera 1 Gennaio 2020, ma lo troverete per sempre anche su Rai Play, sarà in prima serata “Danza con me” di Roberto Bolle. Ormai è una bella consuetudine proporre questo show che ha al centro il ballerino italiano, con i sui incontri portando gli ospiti nel suo mondo. La casa di Bolle è Rai 1, che ha prodotto lo spettacolo con Ballandi e Artedanza, con un cast davvero vario. Nel video sopra la conferenza di presentazione fatta a Milano, all’Accademia alla Scala. (vabbè è il primo dell’anno ma suonava meglio così il titolo)

LUCA E PAOLO roberto bolle danza con me prandoni 596

LUCA E PAOLO roberto bolle danza con me prandoni 596

Gli ospiti

Questa sera balleranno o accompagneranno Roberto: Alberto Angela, Roberto Benigni Con Matteo Garrone, Andrea Bocelli, Stefano Bollani, Geppi Cucciari, Luca E Paolo, Marracash featuring Cosmo, Giampaolo Morelli, Virginia Raffaele, Svetlana Zakharova, Nina Zilli e Luca Zingaretti. Ognuno incontrerà l’artista entrando nel suo mondo, raccontandolo, accompagnandolo. A questo proposito vi segnalo la 3b: Bocelli canta, Bollani suona e Bolle Balla che diamine! Ci sono numeri davvero notevoli, compreso un “solo” allo specchio del ballerino con se stesso, l’intero show ha una sotto trama dedicata al tema della plastica. Una presenza scenica che diventa sempre più soffocante, non se ne parla mai abbastanza.

ROBERTO BOLLE BENIGNI E GARRONE danza con me.jpg

Chi ci ha lavorato

“Danza con me” è un programma di Roberto Bolle, prodotto da Rai1 in collaborazione con Ballandi e Artedanza srl, scritto da Roberto Bolle e Pamela Maffioli, con Carlo Crocchiolo, Mirco Cucina, Ugo Ripamonti e Rossella Rizzi. La direzione artistica è di Roberto Bolle. Le scene sono di Giuseppe Chiara. La fotografia è di Carlo Stagnoli. La regia di Cristiano D’Alisera. Ideazione Grafica e Messa in Scena Cristina Redini. La consulenza musicale di Giorgio Oreglio. Direttore di produzione Antonio Fontana. A cura di Rita Verrecchia. Produttore Esecutivo Rai Sandra Nicola. Produttore Esecutivo Ballandi Claudio Tarquini.

Info

Boberto Bolle su Rai Play

 

Ti è piaciuto questo post?

vuoi ringraziare offrendomi un caffè?

C’è Paypal

Belita alla conquista del mondo ballando #leintervistesuldivano #intervistemilanesi

Belita alla conquista del mondo ballando #leintervistesuldivano #intervistemilanesi

Si chiama “Agora ou Nuca” ed è il nuovo LP di Belita, talento italo-brasiliano trasferitosi a Milano per la sua musica. Principalmente in bilico tra i reggaeton e la dance latina, è un disco in spagnolo (tranne un pezzo in portoghese) interamente scritto da questa talentuosa giovane artista. Questi suoni e questo genere non è esattamente nelle mie corde, invece Isabella, il suo nome di battesimo, mi entusiasma eccome. Un talento totale, cantante e danzante con grande qualità, dei video all’altezza delle grandi star mondiali del genere. Scrive e produce, con quelli di Massive Art Studio, le sue canzoni ma soprattutto è una ragazza che ha tanto da dire. Ha già grandi numeri nei social ed è molto facile pronosticare un grande riscontro.

P1011186.JPG

#leintervistesuldivano

Diciamocelo l’ho convinta a farsi intervistare sul divano, corrompendola con l’offerta del mio mistico Strudel Istriano, però il tempo è davvero volato. Percezione dell’intervista 3 o 4 minuti, tempo reale oltre 22 così come succede quando trovi chi ha voglia di chiacchierare liberamente raccontandosi. Sono così contento di questa artista che l’ho già invitata per il prossimo lunedì (25 novembre 2019) al Valore il mio programma a Radio Atlanta. Devo essere sincero mi piacerebbe molto lavorare con lei, considerando che il suo genere proprio non l’amo, fate voi quanto stimo Belita. Che bello vedere talento e qualità unite e un progetto artistico così a fuoco unito ad un sorriso contagioso. Dovrebbero vedere la sua intervista (e i suoi video) tante colleghe altezzose per imparare come si fa. Tanto che un’artista donna non mi entusiasma così, a 360°. Ma l’ho detto che canta anche molto bene? Vabbè mi ricompongo!

MUSICA_BELITA_SETEMBRO2019-177-Editar.jpg

Belita

Nata a Pordenone nel 1994 da padre italiano e madre brasiliana, Isabella Dall’Agnese (questo il suo vero nome) è un artista a tutto tondo: canta, balla ed è autrice dei suoi brani. Inizia fin da bambina a studiare canto, il quale studierà per cinque anni, e, solo dopo il primo anno, ottiene il suo primo riconoscimento vincendo una borsa di studio come “voce rivelazione” nel pordenonese. In concomitanza, studia anche ballo per undici anni a livello agonistico, passando da danza classica, a danza Jazz fino ad arrivare all’hip-pop. Trasferitasi a Milano comincia il suo percorso artistico registrando le sue prime cover di artisti tra le quali Alicia Keys e Adele, negli studi di registrazione Massive Arts di Milano, la quale lei stessa definisce come la sua seconda casa.

MUSICA_BELITA_SETEMBRO2019-146-Editar.jpg

Le ultime sue cose

Nel 2017 lavora alle sue prime canzoni inedite, ed è così che nasce “WAVES” di cui ne cura ogni singolo aspetto, decidendo anche la location del videoclip che viene girato nella stupenda Positano, città scelta dall’artista, perché rispecchia perfettamente il profondo significato della canzone. Il brano ottiene un notevole successo soprattutto sul web. A distanza di pochi mesi, si getta a capofitto nel mercato latino, registrando d’ora in poi brani in lingua spagnola, una delle quattro lingue che parla. Arriva, quindi, il suo secondo singolo dal titolo “AGORA OU NUNCA”, ed anche questa traccia si posiziona tra le canzoni più ascoltate facendo crescere la sua visibilità. Il video di questa canzone viene girato a Milano e raggiunge quasi mezzo milione di visualizzazioni su YouTube, diventando così il video più visto dell’artista. A fine 2018 lavora al suo nuovo album in uscita ad ottobre 2019. I primi tre singoli, i cui video sono stati interamente realizzati in Brasile.

Copia di ospite.png

Info

www.instagram.com/therealbelita/

www.facebook.com/therealbelita/

https://www.youtube.com/channel/UCfOFRYR5fR8XAPfkUzG4wjA

Rappami il cuore a PluriVersi #intervistemilanesi

Rappami il cuore a PluriVersi

Sabato 21 settembre 2019 (dalle 19:30 alle 22:30) presso Wall street di via Pasteur al 2  a Milano, ci sarà la serata finale del laboratorio “Rappami il cuore” organizzato da Pluriversi . Oltre a Barbara Caputo che ha voluto e organizzato questa bella iniziativa ci saranno alcuni partecipanti che porteranno live i loro lavori. Si tratta di: Kuzko, Eudossia, Lidia e Yara. Ci sarà anche un buffet latino poi si balla con un DJ set a tutto ritmo. Per l’occasione sono andato ad intervistare Barbara per parlare di questa sua bella iniziativa. Oltre ad essere un’insegnante è artista ma soprattutto mamma, come non chiederle di queste nuove generazioni?

IMG_20190727_111317_BURST1.jpg

Barbara Caputo

Barbara Caputo è antropologa, ha compiuto ricerche in Tunisia sui luoghi sacri e in Italia sull’immigrazione. Nel 2009 ha fondato l’associazione PluriVersi, che si è occupata di intercultura e donne. Insegna diritto nelle secondarie superiori con lo scopo di dare una coscienza civile ai ragazzi.

70944111_2471179922943227_687220747617173504_o.jpg

Info

Ingresso libero

https://www.facebook.com/events/2431673046922891

https://www.facebook.com/pluriversimi

“Sparks” di Osvaldo Supino a #leintervistesuldivano #intervistemilanesi

“Sparks” di Osvaldo Supino

Persona prima di tutto piacevole, Osvaldo Supino, artista italiano che più si sta facendo notare all’estero è anche un artista molto eclettico. Lavorando, ma non solo quello, con grandi firme internazionali ma anche ricevendo tanti premi e attestati (3 nomination ai Bt Digital Music Awards, 2 premi Nickelclip, 1 premio Unicef, 1 premio Mei ed è l’unico italiano fin ad ora premiato ai LAIFFA Awards di Los Angeles) si è fatto notare nei paesi latini ma non solo. Tutto questo da assoluto indipendente, anche se forse sarebbe ora che qualche major lo sostenesse perché la stoffa è buona. Non che ce ne sia bisogno per la parte artistica, ma certo a livello promozione il peso si sente. Questo non conta per il mio divano dove chiunque è il benvenuto. Si è parlato del suo ultimo LPSparks” appunto, che è stato pubblicato a marzo di questo 2019, lavoro che esce in due versioni quella inglese e quella in spagnolo.

Sparks – Luces

Registrato tra Milano e Miami, e prodotto tra Berlino, Liverpool e Los Angeles, Sparks è composto da 10 nuovi brani e si avvale delle prestigiose collaborazioni con importanti nomi della musica pop internazionale come Scott Robinson (gia produttore di Demi Lovato e Christina Aguilera) e Molly Moore (autrice per Lea Michele). Un album fortemente e volutamente pop, ma che tra le varie influenze musicali urban, edm, reggaeton, prova ancora una volta l’eclettica personalità di Osvaldo capace di reinventarsi con credibilità nelle varie storie, ma soprattutto una vulnerabilità senza filtri, tanto da rendere questo lavoro uno dei suoi più intimi e autobiografici realizzati fino ad ora.
L’album è stato anticipato dal nuovo singolo “How Do We Know” che, pubblicato solo lo scorso 28 gennaio, ha conquistato mezza Europa debuttando in terza posizione in Italia, alla 7 in Spagna, alla 8 in Svizzera e alla 10 in Germania e Austria.

Info

https://www.facebook.com/osvaldosupino/
https://www.instagram.com/osvaldosupino/
https://www.youtube.com/channel/UCBVFGINFDwsDBlZczKlgFJw

La Poesia della Compagnia Balafori #storiedisaleprove #intervistemilanesi

La Poesia della Compagnia Balafori

Cheope Alice Turati foto di Fabio Ricci

Arriva al Factory32, al 32 di via Watt a Milano, lo spettacolo “Poeta Me” della compagnia Balafori. Parlare di sola danza è un po’ riduttivo perché, benché siano sostanzialmente una compagnia di ballerini, lo spettacolo è anche recitato e si avvicina molto al teatro. Come il titolo suggerisce si tratta di raccontare la poesia attraverso il movimento, quello che muove dentro per arrivare al gesto esterno. In scena cinque talentuosi danzatori che sono: Chiara Serafini, Cheope Alice Turati, Giovanna Belloni, Leonardo Moreno e Cecilia Francesca Croce guidati dalla coreografa Alessandra Costa. Ci saranno due spettacoli uno il 9 Febbraio 2019 alle ore 21 mentre il secondo sarà il 10 Febbraio alle ore 16. In questo ci sarà anche uno studio per un duo dal titolo: “Chiloè…come pesci fuor d’acqua

Leonardo Moreno foto di Fabio Ricci

#storiedisaleprove

Sono stato a trovarli per il mio format #storiedisaleprove che non si limita a raccontare, con una intervista, gli artisti. Ma li segue durante il lavoro di costruzione delle prove. Vederli in questo contesto lascia trasparire molto delle personalità e dell’approccio. Alessandra e Giovanna sono anche venute a trovarmi a Radio Atlanta per una puntata del mio programma Valore (che potete ascoltare qui) e ho avuto modo di conoscerle ancora meglio. La cosa che sicuramente balza all’occhio e la tranquillità con la quale si lavora. Spesso in questi contesti c’è un po’ di tensione, non con i Balafori. Andrò sicuramente a vederli perché già in fase di prove mi hanno molto emozionato con le loro performance. Fatelo anche voi, invece di stare sul divano a lamentarvi del concerto di Baglioni al Festival!

Balafori al lavoro foto di Fabio Ricci

Dicono del loro spettacolo

“Poeta Me” è uno spettacolo di teatro danza dove corpo e voce diventano un unico linguaggio, dove si trova una grande carica emotiva ma anche ironia, umorismo e passione. Le musiche che ci accompagnano e ci ispirano variano dal rock tedesco degli Einesturzende Neubaten ai pezzi intensi e vibranti di Max Richter e di alcuni dei “nostri” cantautori, grandi poeti, come Paolo Conte.

Giovanna Belloni foto di Fabio Ricci

Nel video ho dovuto, per problemi legati ai diritti, sostituire due pezzi che sentirete nello spettacolo con due cose degli Elettro Blue Budda

Info

www.compagniabalafori.wixsite.com
balafori@gmail.com
per le prenotazioni info@factory32.it
di www.fabioricci.it

grazie a SpaziOasi per l’ospitalità

#storiedisaleprove #intervistemilanesi

nuova locandina factory.jpg

“On Dance” Roberto Bolle accende la danza a Milano @RobertoBolle

“On Dance” Roberto Bolle accende la danza a Milano @RobertoBolle

Presentato ieri, martedì 5 giugno 2018, il festival della danza “On Dance” voluto e organizzato da Roberto Bolle, per la città, Milano, che lo ha adottato tanti anni fa. La stella della danza e orgoglio della scuola del Teatro alla Scala, sarà tra gli animatori non solo ballando in questo festival ma sostenendolo con tutto se stesso. Questa cosa si è ben percepita ieri quando l’ha presentato con il sindaco Sala e l’assessore Del Corno, la gioia era trasparente (lo potete vedere nel video sopra nel video).

Una settimana calda

Sarà tra l’11 e il 17 giugno in tutta la città, letteralmente travolta di iniziative e performance in ogni dove. Cosa ci sarà? Spettacoli, eventi, workshop gratuiti di danza classica, contemporanea e street  con maestri di caratura internazionale, corsi accademici dedicati ai vari generi di danza, laboratori di disegno del movimento, giocodanza, lezioni alla sbarra per tutta la città, flash mob, mostre fotografiche e installazioni live, ritrovi notturni di tango, maratone di swing. Insomma per accontentare tutti. Roberto ha coninvolto molti amici: da Stefano Bollani a Marco D’Amore, da Giuliano Sangiorgi a Lodovica Comello fino a Nicoletta Manni. Gran Galà finale agli Arcimboldi con lo stesso “Roberto Bolle and Friends”.

Qui trovate l’intero programma 

Info

www.ondance.it

https://www.facebook.com/OnDanceAccendiamoLaDanza/

https://www.instagram.com/ondance.it/