“Diabolik sono io” al cinema

“Diabolik sono io” al cinema

L’11, 12, 13 marzo 2019 arriva nei cinema il docu-film dedicato a Diabolik, il ladro creato nel 1962 dalle sorelle Angela e Luciana Giussani. Un’indagine sul primo disegnatore del personaggio dei fumetti scomparso, inspiegabilmente, dopo avere consegnato la prime tavole dell’albo numero uno. Mistero, sul mistero! Scritto da Mario Gomboli e Giancarlo Soldi con rari materiali d’archivio e la partecipazione di: Gianni Bono, Andrea Carlo Cappi, Massimo Cantini Parrini, Alfredo Castelli, Tito Faraci, Carlo Lucarelli, Milo Manara, i Manetti bros. prodotto da Anthos Produzioni con Rai Cinema in collaborazione con la casa editrice Astorina. Mi sono sempre chiesto come mai un personaggio di questo livello, stessa domanda che mi faccio per Tex, non sia stato protagonista di film internazionali. Grandi storie, personaggi stra definiti eppure… che mistero!

Tutto su Diabolik qui 

Cast e chi ci ha lavorato

Luciano Scarpa-Claudia Stecher

Stefania Casini-Riccardo Mei-Manuela Parodi

Marco Vivio-Francesca Fiorentini-Paolo Buglioni

Soggetto e Sceneggiatura: Mario Gomboli e Giancarlo Soldi

Fotografia: Giuseppe Baresi – Montaggio: Silvia Di Domenico

Musica: Teho Teardo – Scenografia e Costumi: Valentina di Palma

Regia: Giancarlo Soldi – Prodotto da Maite Bulgari

Info

elenco sale www.nexodigital.it

DiabolikSonoIo_POSTER_fin[3].jpg

Annunci

Settant’anni del ragazzo Tex #Tex70LaMostra

Settant’anni del ragazzo Tex

Dal 2 Ottobre 2018 si terrà, presso il Museo della Permanente di Milano, la mostra dedicata ai settant’anni di Tex, il fumetto di Sergio Bonelli Editore. Nato il 30 settembre 1948 creato da Gianluigi Bonelli e realizzato da Aurelio Galleppini, ha rappresentato intere generazioni di lettori italiani. Anche per questo la Bonelli lo celebra con “Tex. 70 anni di un mico” che aprirà il 2 ottobre 2018 e si chiuderà il 27 gennaio 2019 con il patrocinio del Comune del capoluogo lombardo. La mostra è curata da Gianni Bono con la collaborazione della redazione della casa editrice.

Villa dipinto.png

Info

2 ottobre 2018 – 27 gennaio 2019

Museo della Permanente di Milano – Via Filippo Turati al 34 a Milano

orari Lunedì – Mercoledì: 9.30 – 20.00 Giovedì: 9.30 – 22.30 Venerdì – Domenica: 9.30 – 20.00

Costo 12 € Ridotto 10 € Gruppi scuole: 5,00 € sotto i 6 anni gratuito.

Infoline e prevendite Vivaticket

Visite guidate e attività didattiche – http://www.admaiora.education | info@admaiora.education

#Tex70LaMostra

www.tex70lamostra.it

https://www.facebook.com/SergioBonelliEditoreUfficiale/

https://www.facebook.com/TexSergioBonelliEditore/

https://www.instagram.com/sergiobonellieditoreufficiale/

https://www.facebook.com/lapermanente

 

Il manifesto dell'evento

@danieleafferni all’ArtStudio 38

Daniele Afferni all’ArtStudio 38

All’ArtStudio 38 di via Canonica, appunto, al 38 di Milano ospiterà da Sabato 14 aprile 2018 una personale dedicata ad un grande artista milanese: Daniele Afferni dal titolo Icons. La mostra d’arte sarà aperta fino al 6 maggio 2018, sarà aperta 24 ore su 24 con ingresso gratuito.

Chi è Daniele Afferni

Daniele Afferni è un artista e pubblicitario, nel senso di comic artist, painter ed illustratore, di Milano. Attivo da tanti anni si occupa, di giorno, di pubblicità. Mentre la notte e i fine settimana veste i panni del vendicatore grafico disegnando o dipingendo su qualsiasi cosa gli capiti a tiro. Che sia olio su tela, pastelli, carboncino o ipad… per lui sono la stessa cosa.

Icons

Icons è nata dall’idea di Avalanche, che è un Collettivo di racconta storie italiani. Che contiene: scrittori, fumettisti, teatranti e videomaker. Che ha pensato di creare questa occasione per uno dei suoi attivi collaboratori, con l’organizzazione di Davide Chiesa. La mostra prende in pieno il lavoro che Daniele ha fatto in questi anni sui super eroi, la sua passione, sia nelle versioni dell’icona più classica che in quelle più “mostruose” delle sue interpretazioni.

 

Le donne di Daniele Afferni

L’intervista

Intervistare un amico non è mai facile, perché conoscendolo certe volte le domande possono essere difficili. Una bella intervista, dal mio punto di vista, è conoscere qualcuno che stai incontrando e del quale non sai nulla. Parla sia del Daniele Afferni pittore/fumettista, che dell’esperto di pubblicità (arriva da una grande esperienza con la prestigiosa Armando Testa, degli anni d’oro). Nel video qui sopra la trovate tutta, sono di parte ma mi sembra anche molto interessante.

ArtStudio 38 di Milano

ArtStudio 38 di Milano i quadri non sono quelli di Daniele ma della mostra attuale

Info

https://www.facebook.com/Daniele.Afferni.Immaginario

FB personale https://www.facebook.com/daniele.afferni

@danieleafferni per Instagram, Twitter, Linkedin

www.artstudio38.com Via Luigi Canonica 38 Milano tel 02.331.475 

https://www.artstation.com/danieleafferniartis

intervista www.fabioricci.it

 

TTTF il ritorno musicale di Tito Faraci @titofaraci

TTTF il ritorno musicale di Tito Faraci @titofaraci

Torna alla musica, attivamente, Tito Faraci, notissimo fumettista italiano, ma sorpattutto grande autore. Sono passati tanti anni da quando Tito Tastierista Turbina Futurista, infatti così si chiama il suo ritorno musicale TTTF, si esibiva abbarbicato sulle tastiere. Anni diversi, dove l’elettronica era la novità e non la normalità come oggi.

Tito Faraci

Nel frattempo TTTF è diventato un grande sceneggiatore, soprattutto dei fumetti. Dagli eroi della Marvel a Bonelli, dalla Disney a qualsiasi tipo di scrittura. Tito ha due anni più di me e siamo nati e cresciuti nella stessa atmosfera. Mi viene molto semplice capire quello che dice e racconta. Qui trovate cose sue come autore.

TTTF

Il disco, perché soprattutto di vinile si tratta, è stato presentato lo scorso 15 dicembre ad amici e stampa presso “Dischivolanti” di Milano (ripa di Porta Tirinese, 47 dovete andarci!). Lavoro che arriva dopo 30 anni, dico trenta… insomma ci ha pensato bene. Ma il gioco di questi due pezzi (lato a e lato b come si usava) è proprio quello di cancellare questo tempo. Per inciderlo sono stati usati strumenti, veri, dell’epoca. Per questo suona come allora, perché è fatto come si faceva. Operazione non necessaria, è vero, ma davvero ben riuscita. Con Tito ci sono anche Lodo e Bebo de “Lo stato sociale” e le canzoni sono due “Disordine” e “Ora noli trovate anche su spotify, certo il vinile limitato bianco sarebbe da avere solo per la bellezza. Dalla copertina all’appunto vinile bianco la cura è davvero di altri tempi. Fa molto “mi sono tolto una soddisfazione facendo una cosa bella”.

L’intervista

Mi è venuta voglia di farci una chiacchierata con questo signore, l’appuntamento sui navigli. Ovviamente da Dischivolanti. Così nel retro ci siamo fatti due chiacchiere interessanti che potete ascoltare nel video qui sopra.

Dimenticavo il disco è stato registrato e prodotto da Stefano “Keen” Maggiore presso i “Freaks Studios” di Bologna.

Info

Le sue cose come autore