Mesoglea, Missey e Cheriach Re al Mare Culturale Urbano

Mesoglea, Missey e Cheriach Re al Mare Culturale Urbano

Serata interessante e colma di talenti quella di Giovedì 17 ottobre 2019 dalle 21.30 al Mare Culturale Urbano di Milano. Mesoglea, Missey e Cheriach Re si esibiranno, ingresso gratuito, per Raster la manifestazione di musica underground nata nel 2016. Otto appuntamenti, tutti gratis, che vedranno tanti giovani artisti della scena indie alternarsi sul palco. Io ci sarà soprattutto per vedermi Mesoglea che già conosco, ma sono pronto a farmi stupire anche dagli altri due.

Chi si esibirà

6e0fac05-51fe-4999-a787-1999a1af7e11.jpg

Mesoglea (intervista qui sopra)

Mesoglea è un mondo musicale dove si viene cullati fra l’irreale e una tenera disperazione, un mondo di mezzo che il nome Mesoglea annuncia a chi si avvicina a questo piccolo gioiellino artistico fatto di equilibri preziosi e atmosfere impalpabili avvolte da una nebbia silenziosa che trasporta sensazioni e profumi dall’Oriente e dalle profondità di un tono dalla memoria blues. Mesoglea è musica alternativa indipendente che fonde in sé acustico ed elettronico.

Missey

Classe 1995, Mìssey nasce a Foggia e nel 2018 si trasferisce a Milano alla ricerca di nuovi stimoli di crescita e di miglioramento artistico e personale. Infatti ad aprile si esibisce al Serraglio, come finalista nel concorso Special Stage di Officine Buone, per un’arte al servizio di cause sociali. In estate partecipa al concorso Band on Stage in Cascina Martesana, arrivando tra i vincitori ed esibendosi così al PUC Festival in settembre. Ad Ottobre partecipa al JazzMI, nella sezione aperta agli emergenti, in duo chitarra e voce. Con la necessità di sviluppare un proprio repertorio decide di iniziare a scrivere in italiano, pubblicando il 25 gennaio 2019 il suo primo singolo “Kaldera” prodotto da Shune.

Cheriach Re

Cheriach Re si presenta così: “Non so dove vado, ma mi sto muovendo. Attraverso le canzoni ci incontreremo”. La cantautrice comasca inizia a farsi conoscere nel maggio 2018 suonando nei locali della sua città e portando al pubblico i propri brani inediti. Nell’agosto del 2018, durante il SoloFest, si esibisce sul palco del Carroponte, successivamente ha suonato in apertura al concerto di artisti come Ilenia Volpe, Verano, Bianco, Io e La Tigre e Mèsa. Le canzoni di Cheriach Re sono dirette e raccontano, in chiave intima e sincera, esperienze umane vissute, osservate o percepite dalla cantautrice stessa.

Info

Mare Culturale Urbano via Giuseppe Gabetti 15 Milano

http://maremilano.org
come arrivare https://goo.gl/vutfVL

Annunci

Mare Rltd al Mare Culturale Urbano #mareRLTD #leintervistesuldivano #intervistemilanesi

Mare Rltd al Mare Culturale Urbano #leintervistesuldivano

Sabato 26 ottobre ore 21 presso il Mare Culturale Urbano di Via G. Gabetti al 15 a Milano si terrà l’atto performativo del trio Stefano Cucchi (sound design) , Lorenzo Ciapponi (visual design) e Omar Dodaro (composition ). Il titolo del progetto è Mare RLTD (Mare Related) ovviamente mettendo al centro delle visioni… il mare. Bravi vi vedo preparati, il progetto è molto ambizioso ed interessante così li ho invitati a #leintervistesuldivano per parlarne. Alla serata sarò presente anche in versione presentatore, quindi avete un’ulteriore piccola motivazione per esserci. Il costo, 5 euro, per un’ora di spettacolo multimediale è davvero esiguo. Quindi zero scuse e prenotatevi subito, il posto non è così capiente. Con loro ci saranno anche Carlo Gerla (Consulente informatico), Lorenzo Pierobon (Overtones singing) e Francesca Verga (Voce recitante)

69883322_2395362457370541_3177067680574210048_o.jpg

Come funziona?

Saremo immersi nel suono e guidati attraverso le voci e i video in questo viaggio. Nato dai testi di amici e persone stimate, ai quali i tre hanno chiesto di scrivere delle suggestioni che poi hanno musicato. I testi saranno di: Giovanni Doro, Erika Mascheroni, Isabella Piazza, Silvia, Marta Orlando,Stefania Altiero, Gianni Giolo, Chantal V, Elisa Pozzoni, Luisella Bellei, Wania Bianchi, e Marco Colombo. Ci saranno anche contenuti per i devices mobili quindi è necessario essere muniti di cellulare o tablet 3G o 4G carico con power-bank in modo da non essere piantati in asso sul più bello.

Mare RLTD

Mare RLTD (Mare Related) è una performance multi-modale che trae origine da diverse idee di persone comuni. Queste espressioni individuali si concretizzano in un racconto costituito da un livello sonico concreto, musicale evocativo, visivo sinestetico e narrativo simbolico. Il mare, da una visione soggettiva utopico-fanciullesca, attraverso una progressiva immersione – che è presa di coscienza – diventa un ambiente reale e distopico che traccia i limiti di una possibile rappresentazione della contemporaneità, nella dialettica eterogeneità-omologazione, individuazione-massa, indifferenza-partecipazione. Abbandonarsi al mare permette di rimettersi in contatto con la propria natura, accogliendo, anche, gli aspetti terrificanti ed incontrollabili che siamo portati a vedere solo da lontano.

Info

http://www.marerltd.com #mareRLTD

https://www.facebook.com/events/2070182459956014/

https://marerltd.altervista.org
Mare Culturale Urbano Via G. Gabetti al 15 Milano
Sabato 26 ottobre ore 21.00 – Ingresso € 5 Durata: 60 minuti

Per informazioni, biglietti e prenotazioni info@maremilano.org

Francesco Bellucci e i “20 litri di Benzina” #leintervistesuldivano #intervistemilanesi

Francesco Bellucci e i “20 litri di Benzina” #leintervistesuldivano #intervistemilanesi

Come ho sentito il singolo nuovo di Francesco Bellucci ho deciso che l’avrei invitato sul mio divano per le iconiche #leintervistesuldivano. La provocazione del suo pezzo, anche se in “Situazioni Sconvenienti” ce ne sono di più toste, e il modo di incidere e di spingere mi ha ricordato il primissimo Vasco. Sarà un caso che vivono vicini? Io non credo! Direbbe quello della televisione. Francesco è un ragazzo molto simpatico e ho deciso anche di invitarlo (Lunedì 14 Ottobre 2019) a Radio Atlanta per il mio programma Valore questo dopo l’intervista che sentite qui sopra. Questo perché, dopo avere sentito l’intero album, sono convinto che sia davvero interessante. Riferimento al mondo del primo Vasco solo come autore, perché rock a parte non ci sono similitudini, così come non somiglia a nulla che giri in questo momento.

ospite valore-13.png

20 Lt. Di Benzina

…Con 20 litri di benzina

Brucio la tua casa perfetta

Ci carbonizzo il suo divano

Do fuoco a tutto quello che amo

Alle tue borse della spesa

Anzi a tutto il supermercato

Alle sue scarpe di alta moda

Brucio tutto quello che mi consola…

Rock

Il rock è morto? Viva il Rock! In un momento in cui sembra non potere uscire un pezzo che non sia rivestito da Reggaeton (che noia) o Rap/Trap arriva qualcuno che ci ricorda che l’urgenza artistica di dire cose forti, con una chitarra, è sempre attuale. Non dico così perché il cognome mi ha fatto sperare in un appuntamento con Monica Bellucci, ci ho provato ma non sono parenti mannaggia! In ogni caso questo è un lavoro (parlo dell’album che uscirà) davvero interessante e ben suonato. Non vedo l’ora di vederlo Live.

Francesco Bellucci

Francesco Bellucci è nato a Modena il 20 Settembre 1989. Debutta musicalmente nel 2013 partecipando alla Prima Edizione del Premio Pierangelo Bertoli classificandosi al secondo posto con la canzone “Io Ci Credo Ancora”, pubblicata nel Maggio del 2014. Nell’Ottobre 2014 ci riprova al Premio Bertoli conquistando ancora il secondo posto con la canzone “Forse”. Nel 2017 pubblica il primo album “Siamo Vivi” con 13 brani inediti, anticipato dal singolo “Vivere Davvero” e dall’omonimo videoclip presentato in anteprima da L’Espresso. Nel 2018 pubblica il singolo “Che Sfiga Però”, presentato durante la serata finale del Poesia Festival di Modena prima del concerto di Ghemon.

Info

https://www.facebook.com/ilBelluc

https://www.instagram.com/ilbelluc/

https://www.youtube.com/channel/UCDERiUJvOCr8iS4CDX9IfrQ

www.radioatlanta.it

 

Riparte “Risate da Oscar” con Stefano Chiodaroli #intervistemilanesi #milanostasera

Riparte “Risate da Oscar” con Stefano Chiodaroli #intervistemilanesi #milanostasera

Si chiama “Breaking Bread” ed è lo spettacolo che Stefano Chiodaroli porterà questa sera, Sabato 5 ottobre 2019 alle ore 21, alla rassegna “Risate da Oscar” ovviamente al teatro Oscar di Milano. Sempre organizzato da Francesco Ruta e il suo KarmArtistico, con Bruce Ketta (grande Matteo Iuliani) a presentare/scaldare la platea. Nella serata Chiodaroli porterà i suoi personaggi ma non solo, forte nell’improvvisazione e nei monologhi è anche un ottimo attore, tra l’altro formatosi in accademia, dal vivo le sue doti emergono. Certo non è la televisione dopo in 3 minuti devi fare tutto, in teatro si può costruire e interagire con il pubblico. Ma questo vale per tutti non solo per Stefano, che come al solito ho voluto incontrare e raccontare in questa intervista grazie allo staff sempre puntuale. Io questa sera sono da un’altra parte (suona la mia fidanzata se non vado torno single), ma milanesi non perdetelo!

Stefano Chiodaroli intervistato da Fabio Ricci

Stefano Chiodaroli intervistato da Fabio Ricci

Breaking Bread

«È uno spettacolo sempre in divenire, nato con alcuni personaggi che col tempo si sono persi perché legati ad un preciso periodo della mia vita, come Ornello l’ex fotomodello o Tempesta Ormonale. Ritornano altri come il Panettiere e il Mago Abat Jour che sono invecchiati e si sono trasformati, perdendo delle battute e guadagnandone altre. E poi si è aggiunto il monologo tout court, che inizialmente aveva una parte secondaria rispetto alla creazione dei miei amati personaggi. Maschere che mi hanno sempre aiutato a svelare più che nascondere qualcosa di me stesso. Il mio bisogno, attraverso il cabaret, è sempre stato esprimere arbitrariamente quello che mi passava per la testa». Oltre al cabaret in questo periodo Chiodaroli sta partecipando ad alcuni spettacoli teatrali come Jena Ridens insieme alla compagnia dei Martinitt e Hamburger, «spettacolo che ho scritto e porto per l’Italia insieme a Gloria Anselmi. Spero possa diventare presto anche un film o un prodotto televisivo. E a proposito di film sto scrivendo con Riccardo Paoletti e Donato Pisani la sceneggiatura di una commedia che presto proporremo…ma non voglio aggiungere altro al momento per non spoilerare!»

Francesco Ruta, Luca Cecchelli e Stefano Chiodaroli

Francesco Ruta, Luca Cecchelli e Stefano Chiodaroli

Info

BIGLIETTERIA, INFORMAZIONI e PREVENDITE – KarmArtistico Italia (StudioManagementTv) via Venosa 2 (100 mt dal Teatro Oscar) Chi desidera verificare la disponibilità degli ultimi ed eventuali posti liberi presso la biglietteria del Teatro Oscar potrà farlo esclusivamente la sera del 5 ottobre dalle h.19,00 alle 20,30.

https://prevenditekarmartistico.ecwid.com

Prezzo € 10,00 (+ € 2,00 di prevendita) – Ingresso in teatro per il pubblico dalle h.19,30 alle 20,50. Durata spettacolo h.21,00 – 22,30 circa. Per qualsiasi ulteriore informazioni Francesco Ruta – 331 743 5613 karmusicalive.f@gmail.com

I Poor Works con “All In” alle #intervistemilanesi

I Poor Works con “All In” alle #intervistemilanesi

Band trentina, questi Poor Works, che fa un pop davvero piacevole. Nel senso che si ascolta volentieri perché è suonato davvero, cosa che farebbe un po’ ridere se non fosse che ormai nella stra grande maggioranza delle produzione non suona davvero più nessuno. Presentano “All in” e ci buttano dentro l’energia dei loro dieci anni insieme. La storia di questi ragazzi che sono diventati una band, oggi che ormai sembra fuori moda. Sono venuti a Milano e sul mio divano tutti non ci stavano, così abbiamo optato per una location più adatta. Qui sopra la loro intervista, il disco è stato anticipato dal singolo “Spengono le luci”, accompagnato da un videoclip diretto dal videomaker trentino Joe Barba. Come vedrete, oltre che molto interessanti, sono anche dei ragazzi davvero simpatici. Cosa che non guasta mai!

Biografia

I Poor Works sono: Nicola Toniolli (voce), Patrick Calovi (tastiere e seconde voci), Daniel Calovi (chitarra e seconde voci), Daniel Nardon (chitarra e seconde voci), Mauro Tomedi (basso) e Christian Nicolini (batteria e seconde voci). Il progetto nasce nel 2008 come “british cover band”, proponendo un repertorio che spazia dai Beatles ai Coldplay, dai Rolling Stones ai Queen, dagli Who agli Oasis. Dopo i primi anni saturi di concerti, il 5 maggio 2013 pubblicano “Colours of us”, il loro primo disco di inediti, anticipato dal singolo “Sunday”.  L’album si compone di 10 brani inediti in inglese più una cover riarrangiata e identifica per la prima volta il sound della band. Pubblicati altri due singoli, “3 Minutes” e “Morning Light”, entrambi andati in rotazione sulle principali radio locali, sorge il bisogno di evolversi ulteriormente e il frutto di questa importante evoluzione è “Autoscatto”, un riarrangiamento in lingua italiana di “3 Minutes”. Con una costante e notevole attività live e forti di questa nuova via intrapresa, iniziano a lavorare  con Valerio De Paola, musicista e arrangiatore professionista, con il quale plasmano il loro nuovo singolo “In volo”, pubblicato il 20 luglio 2015 e che vale la vittoria alle selezioni regionali di Arezzo Wave. Nel 2016 esce su Facebook “Strade”, prima pietra di un percorso che sembra aver trovato finalmente conclusione con “All In”, il nuovo album della band disponibile dal 23 marzo 2019. Il disco è anticipato dal singolo “Spengono le luci”.

Info

www.poorworks.com

www.facebook.com/poorworks

www.instagram.com/poorworks
www.youtube.com/poorworks

Happy Days il Musical al Teatro della Luna #storiadisaleprove #intevistemilanesi

Happy Days il Musical al Teatro della Luna

Da stasera, 28 settembre 2019, sarà in scena a Milano presso il Teatro della Luna di Assago, “Happy Days – Il Musical” a cura della compagnia milanese de I Saltafoss. Sono 45 anni da quando andò in onda la serie televisiva, per l’ABC, che ci ha accompagnato tutti nella nostra adolescenza. Ora riproposto in chiave musical da questo cast di giovani talenti. La Compagnia I Saltafoss, reduce da sedici anni di successi, porterà in scena il 28 settembre al Teatro della Luna su licenza ufficiale Samuel French, Happy Days il Musical, con canzoni in italiano cantate dal vivo, la regia di Adriano Tallarini, le coreografie di Martina Massa e la direzione musicale di Laura Amodeo.

#storiedisaleprove

Mi hanno parlato così bene della compagnia e del talento di questi giovani, tutti belli tutti bravi, che compongono la quasi totalità della compagnia, che ho deciso di andare un po’ oltre la classica intervista e produrre un documentario che li racconti durante le prove. Così nel video li potete conoscere meglio e avere una piccola anteprima di parte delle prove. Molta attenzione alla parte musicale, i pezzi sono tutti polifonici quindi complessi. Considerando che non stanno mai fermi un attimo c’è molta bravura.

eabaee0e-1a9c-4ce8-94d8-8851a17bcaf3.jpg

Il cast

Regia: Adriano Tallarini

Coreografie: Martina Massa

Direzione Musicale: Laura Amodeo

Traduzione Testi: Michele Renzullo

Liriche italiane: Franco Travaglio

Davide Procopio: Fonzie

Erikae Izaguirre: Pinky Tuscadero

Massimo Vinci: Howard Cunningham

Mariateresa Bongiovanni: Marion Cunningham

Simone Muciaccia: Richie Cunningham

Laura Penatti: Joaniecunningham

Dario Caldini: Potsie Weber

Matteo Magnaghi: Ralph Malph

Ivanfortarezza: Chachi Arcola

Denise Bennardo: Lori Beth

Giuseppe di Lorenzo: Alfred Del Vecchio

Luca Ferro: Conte Malachi

Stefano Gamo: Rocco Malachi

info

www.saltafoss.org

Facebook: @saltafossmilano

Instagram: @compagniateatralesaltafoss

http://www.teatrodellaluna.com/it/musical/eve/308-happy-days/

La interviste, video e regia di www.fabioricci.it

Cabrio e “L’anello sul tavolo” #leintervistesuldivano #intervistemilanesi

Cabrio e “L’anello sul tavolo”

Oggi, 20 ottobre 2019, esce il nuovo singolo di Angelo Soraci, meglio noto come Cabrio. Il titolo del singolo, da oggi in radio e nelle piattaforme digitali, è: “L’anello sul tavolo”. Nato da un’idea dell’artista siciliano e scritta da Marcello Ubertone è stata vestita di pop ed elettronica in nerd style. Però Angelo l’ha eseguita, durante l’intervista, chitarra e voce in una versione per ora inedita. Non chiedo mai di fare live durante le interviste per liberare da una possibile fonte di stress gli artisti. Per carità lo fanno tutti sotto sotto anche per portare live le loro cose, ma così l’intervista mette ancora a maggior confort. Però se ti presenti con la chitarra… eh! Grazie! Nel video qui sopra potete togliervi tutte le curiosità su questo talentuoso cantautore, poi è anche uno che cucina cosa che per me è un valore aggiunto.

fe0fc2e7-9cf3-434f-966a-004ce7e05c42

Angelo Soraci – Cabrio

Cabrio

Cabrio (Angelo Soraci), cantautore e autore messinese indie-pop, vive a Lugano. Affascinato dalla musica fin da piccolo, a 6 anni partecipa alle selezioni dello Zecchino d’Oro e impara a suonare la chitarra da autodidatta. Negli anni si fa notare in concorsi e contest: con il coro I Mirabili vince a Riccione il premio nazionale Musicando; con il nome di Angelo Rock nel 2014 accede alla semifinale nazionale de Il Cantagiro; nello stesso anno come Cabrio partecipa a Sanremo Giovani con il brano “Pensa”, nel 2015 si ripresenta al Festival con “Piccola (ma che storia è mai questa?)” ed entra tra i 60 finalisti. Nel 2017 riceve a La Spezia il Premio Internazionale Artista dell’Anno Cristoforo Colombo nella categoria Cantautori emergenti.

Prime pubblicazioni

Nel 2016 pubblica il suo primo ep autoprodotto, “Pensa”. Cabrio ha collaborato tra gli altri con Ricky Portera (chitarrista di Lucio Dalla e fondatore degli Stadio) nel brano “Io ci voglio credere” e con Maurizio Musumeci aka Dinastia, con cui nel 2017 scrive “Fly”, brano dal ritmo reggae con contaminazioni hip hop. La stessa canzone viene riproposta nel 2018 in versione spagnola con la partecipazione del cantautore Ricky Hombre Libre. In questa versione “Fly” viene trasmessa dalle radio anche in Spagna, USA e America Latina, occupando per più di 10 settimane i primi posti della top ten indie italiana. “Penso a lei” è il primo singolo estratto dal nuovo ep di Cabrio, presentato alla semifinale di Area Sanremo 2019. Il brano fa parte di Maionese Project by Matilde Dischi ed è inserito nella playlist Spotify Musica Randagia, vetrina per i nuovi artisti indie italiani di valore. Il nuovo ep di Cabrio, in uscita nei prossimi mesi, è stato scritto con il cantautore Marcello Ubertone. Parallelamente all’attività musicale Angelo Soraci dal 2010 al 2014 conduce i programmi “Menabò” su Zadio Zenith Messina e “Per colpa di chi” su radio MessinOnda e nel dicembre 2016 con la casa editrice Kimerik pubblica una raccolta di poesie dal titolo “Maltempo di marzo”.

Info

www.youtube.com/channel/UC4-G-LfOy5ynXlSXhqPASwA/videos

www.facebook.com/cabriosong/

www.instagram.com/cabrio_official/

www.twitter.com/angelosoraci

open.spotify.com/album/7gCINWisiztq5EHuj2hSDl

cabriosong@gmail.com

Management: info@thewebengine.it – 351/9923670