“Il giorno in cui seguimmo le Api” il libro di Rosanna Oberbizer #intervistemilanesi #leintervistesuldivano

“Il giorno in cui seguimmo le Api” il libro di Rosanna Oberbizer

Il titolo è “Il giorno in cui seguimmo le Api” ed il libro di Rosanna Oberbizer, per il momento solo in formato elettronico, infatti c’è un crowdfunding in corso, su Book a Book e trovate il link in fondo al pezzo. Rosanna si occupa di scrittura nella sua attività di tutti i giorni, ma si occupa nella versione copy con specializzazione nella scrittura adatta alla rete (la famosa Seo). Scrive questo libro è stato molto diverso, anche se è nel cassetto da un po’ di tempo. Come si dice nel buddismo è arrivata ad un certo punto una causa esterna che l’ha riattivato: ed eccoci qui! Bastano 200 preordini e Book a Book partirà con la produzione reale del libro. Questo fino al 15 agosto, tra l’altro l’autrice si impegna a donare 1 euro all’Associazione Gaslini Onlus, un ulteriore motivo per sostenerla.

Rosanna Oberbizer

Rosanna Oberbizer

Il libro

Il suo è un cognome trentino, lei è milanese, ma la sua è una storia di mare. Ambientata in Liguria racconta le avventure di Tommaso, tredicenne di una grande città, che con un gruppo di amici al mara si imbarca in un’avventura. La prima della sua vita nata da una ricerca in rete e diventata presto molto reale. Rosanna si è accomodata sul mio divano per raccontare di lei e del suo lavoro. Qui sopra trovate il video de #leintervistesuldivano dove potete conoscerla meglio.

Rosanna Oberbizer

Nata e vissuta a Milano, lavora come copy strategist in un’agenzia di comunicazione digitale.

“L’idea del libro nasce in un pomeriggio di luglio di alcuni anni fa, osservando un gruppo di ragazzini intenti ad architettare grandi spedizioni e avventure su una spiaggia della Liguria” – racconta Rosanna Oberbizer – “La visione ha evocato molte suggestioni: il tempo dilatato e apparentemente infinito delle estati di quando ero piccola, le giornate che prendevano ritmi del tutto inusuali, la paura di mettersi in gioco e il desiderio di essere riconosciuti, l’odore buono del sole sulla pelle. Tutto il resto è nato da sé”

Info

www.popstory.it

www.facebook.com/PopStory.Blog

www.instagram.com/popstory_blog/

https://bookabook.it/libri/giorno-cui-seguimmo-le-api/ (Crowdfounding)

Annunci

Pinhdar a Milano all’Ohibò #intervistemilanesi #leintervistesuldivano

Pinhdar a Milano all’Ohibò

I Pinhdar suoneranno venerdì 31 Maggio 2019 all’Ohibò di Milano, il duo milanese, composto da Cecilia Miradoli e Max Tarenzi aprono questa nuova fase della loro carriera proprio nel capoluogo lombardo. Dopo avere girato in lungo e in largo per il mondo con la loro musica, arrivano sul divano a raccontarci chi sono. Nell’intervista oltre alla loro musica non si può che raccontare anche il festival “A Night Like This” di Chiaverano in provincia di Torino. Dopo un meritato caffè ci siamo dedicati a conoscerci meglio. Oltre che molto interessante il loro ultimo lavoro, elettronica e pop rock davvero raffinato, lo sono anche loro. Pure simpatici che non è una dote necessaria per gli artisti, ma per me è un punto in più. Dal vivo saranno accompagnati da un lavoro visual realizzato da un collettivo di giovani registi guidati da Samuele Romano, che ha diretto il video di “Toy” il primo singolo.

Chi sono i Pinhdar

Pinhdar è il nuovissimo progetto di Cecilia Miradoli e Max Tarenzi, già fondatori della rock band Nomoredolls e del festival A Night Like This.È un viaggio musicale articolato e maturo tra art rock, new wave ed elettronica per raccontarsi e mettersi ancora alla prova.Come Nomoredolls, Cecilia e Max iniziano il loro percorso producendo il primo ep in UK per poi trovare la loro strada negli USA, dove conquistano pubblico attraverso una serie di tour intensivi della East Coast. Suonano nel tempio del rock di New York, il CBGB’s, ma anche al Knitting Factory, Piano’s, Arlene’s Grocery e, tra New York e Los Angeles, producono il loro album omonimo (“Nomoredolls” – EMI) per poi tornare in Europa con concerti in Inghilterra (Astoria di Londra) e Spagna (Joy Eslava di Madrid). Con A Night Like This Festival (www.anightlikethisfestival.com) diventano organizzatori, ideando e producendo un evento che nasce come appuntamento per appassionati di musica indie internazionale ma che, nelle sue 6 edizioni, si evolve diventando uno dei festival indipendenti di riferimento e una delle 10 location più suggestive in Italia dove ascoltare musica (Rockit). Il disco omonimo è stato registrato interamente da loro e prodotto da Max nel loro studio d Milano. Le tracce sono poi state affidate per il mix a Chris Brown (fonico di Londra con 20 anni di esperienza presso gli Abbey Road Studios e collaborazioni con centinaia di artisti del calibro di Radiohead e Muse) e a Dan Coutant di Sun Room Audio (NY) per il mastering ed è ora disponibile in tutti gli store digitali.

Info

https://www.facebook.com/Pinhdar/

www.anightlikethisfestival.com

Circolo Ohibò – Via Brembo, ang. Via Benaco, 1 (Milano)

Apertura porte ore 21:00 da via BremboIngresso gratuito riservato ai soci con tess. ARCI (obbligatoria) info@associazioneohibo.it

Questa sera si ride all’Après-coup

Questa sera si ride all’Après-coup

Lucia Vasini

Lucia Vasini

Serata stand up, comicità e cabaret (che poi sono praticamente la stessa cosa) all’Après-coup di Milano questa sera venerdì 10 maggio 2019, secondo eventi presentato dalla strepitosa Francesca Puglisi. La serata è un laboratorio vero e proprio dove di volta in volta gli artisti presentano le loro cose, con una grande disponibilità anche al confronto. Il locale ha una sola entrata e no possono scappare! Scherzi a parte l’atmosfera deliziosa di questo posto, l’ottima cucina e il personale davvero carino rendono questo venerdì sera da non perdere. Lo dico perché ci sono, appunto, stato qualche settimana fa a vedere il primo di questi eventi. Nel video sopra la chiacchierata per le #intervistemilanesi con Francesca di qualche mese fa.

Laura Formenti

Laura Formenti

Chi ci sarà questa sera

Questa sera si esibiranno: Laura Formenti, Davide Calgaro, Davide Zilli e Lucia Vasini. Partiamo dalla ciliegina ovvero Lucia Vasini mito del teatro e del ridere milanese. Mi ero accorto della sua bravura ai tempi di “Kamikazen – Ultima notte a Milano”, film di culto di Gabriele Salvatores nel quale il cast è da commozione, del 1988 (Lucia era appena uscita dalle elementari per altro). Davvero divertente anche Laura Formenti di madre tedesca, con la sua comicità oltre che sulla nota biografica, anche sul rapportarsi con i maschietti, soprattutto nel sesso. Uomini vi avverto usciamo male.

Info

Après-coup Via Privata della Braida, 5 02 3824 3105

www.apres-coup.it