“Tu sei la tua voce” Danila Satragno #milanostasera

“Tu sei la tua voce” Danila Satragno #milanostasera

Questa sera, Martedì 11 Giugno 2019 preso “La casa della Musica” in corso Buenos Aires 41 a Milano dalle ore 19.30, la Vocal Coach Danila Satragno presenterà un workshop del suo corso “Vocal Care”. Ho incontrato per un’intervista per la presentazione del suo ultimo libro Danila qualche mese fa, il video qui sopra, quello che ha da dire e insegnare a chi vuole usare la voce per lavoro è davvero da non perdere. Anche se per ovvie ragioni chi canta ne ha un bisogno ancora maggiore. Rovinarsi le corde vocali è davvero un attimo senza la corretta preparazione. Ci si dimentica che non si tratta di una dote di cuore e testa, senza la gola e le magiche corde si finisce spesso per dovere ricorrere ad operazioni chirurgiche che non rendono mai il dono iniziale.

Danila Satragno

“Tu sei la tua voce”

Il titolo è molto chiaro “Tu sei la tua voce”, nel buddismo si direbbe la non dualità del corpo con tutto il resto, ed è un metodo scientifico per la cura della voce che integra l’insegnamento della tecnica vocale con quello della gestione delle emozioni. Il libro è scritto con Roberto Re che cura l’aspetto più legato al coaching. La serata è aperta a tutti ma è necessario registrarsi con una chiamata o mail (i riferimenti sotto) il costo è stato fissato in 40 euro per l’evento, per la qualità della serata mi sembra più che equo.

Danila Satragno

«Ho dedicato la mia vita allo studio e alla ricerca dei colori della voce – afferma Danila Satragno – ho scritto questo libro per portarvi con me nel magico viaggio alla scoperta del pianeta voce e dei suoi mille segreti. Il fascino di una bella voce ha un potere immenso, con la forza della comunicazione potrete essere vincenti nella vita, nel lavoro, in famiglia e in amore».

Info

www.vocalcare.it

www.facebook.com/VocalCare

www.facebook.com/danisatragno

www.instagram.com/vocal_care

www.instagram.com/danilasatragno

staff@vocalcare.it – cell. 345.5509790 – 40 euro per il workshop

Annunci

Sean White porta l’Opera Wu Jiangsan a Milano #chinaweekmilano

Sean White porta l’Opera Wu Jiangsan a Milano

Domenica 24 febbraio 2019, presso il Teatro dal Verme di Milano (ingresso gratuito), ci sarà l’Opera Wu Jiangsan, nel contesto della China Week Milano. Voluta da Zhang Changxiao conosciuto artisticamente cone Sean White, autore del best sellers “Creuza de Mao” libro che introduce i cantautori italiani ai cinesi spiegandone i testi e raccontandoli. La storia di Sean è simile a quella di molti suo connazionali che sono venuti in Italia per studiare. Ma è stato folgorato sulla via della Musica Italiana, così ha abbandonato gli studi ingegneristici al Politecnico per dedicarsi all’arte. Il suo lavoro è essere da tramite tra i due paesi, sia portando la nostra cultura in Cina, sia portando quella cinese qui da noi. L’Opera Wu è un’eccellenza della sua città di origine sarà proprio una serata magica domenica. La “China Week Milano” è la settimana culturale cinese, organizzata dal “Centro dell’Interscambio culturale Italia-Cina” e sostenuta dal Comune di Milano e dal Consolato Generale Cinese. L’evento è realizzato in collaborazione con LongMorning Music Group, associazione fondata da White insieme al collaboratore Mao Xuanxuan (leader della band cinese Walking Ears), per promuovere gli artisti italiani in Cina. Sono stato ad incontrarlo nel suo ufficio che, guarda caso, è proprio nel mio quartiere. Domenica ci sarò sicuramente, anche perché come leggete qui sotto sarà molto interessante.

ChinaWeekMilano_b.jpg

Lo spettacolo

Durante lo spettacolo si esibiranno sul palco artisti cinesi e italiani, che intratterranno il pubblico con diverse esibizioni emozionanti e coinvolgenti. Questo l’ordine della serata: la performance “Broken Bridge”, gli spettacoli di arti marziali “Three Crossroads”, l’esibizione di opera tradizionale “The Picking Jade Bracelet”, l’opera kunqu “Day Girl Sanhua”, le performance “Tuen Mun Xunzi” e “Zhong Yu Married Sister”, la danza tradizionale del leone“Golden Lion Chengxiang”, la danza “Nianbadu Lamp Array” e la performance “Changing Face and Playing Teeth”.

Info

www.facebook.com/Music-Marco-Polo-Zhang-Changxiao-138018653661218

https://www.facebook.com/events/2034689113289726/

Teatro dal Verme di Milano Via S. Giovanni sul Muro ore 20 (ingresso libero)

SeanWhite2_b.jpg

Vinili, dvd e libri al Pub #milanostasera

49649125_533057197196899_7089720687513829376_n-1.jpg

Vinili, dvd e libri al Pub

Oggi, sabato 12 dicembre 2018 dalle ore 14 fino alle ore 20 con ingresso gratuito, presso il Bootleg in via Coluccio Salutati al 2 di Milano si terrà l’incontro Vinyl & Brew. Si potranno scambiare o vendere vinili ma anche cd, dvd, bluray o libri musicali. Ovviamente anche bevendosi una birra in questo pub che è il ritrovo della comunità inglese di Milano, soprattutto degli amanti del calcio inglese che si segue. Qualcuno se lo ricordava quando si chiamava Magia Music Meeting, dove hanno suonato praticamente tutti gli appartenenti alla scena milanese. Con questa iniziativa si riprende anche a fare tornare la musica in questi locali.

Info

Bootleg – Via Coluccio Salutati, 2 – 20144 Milano

https://www.facebook.com/events/568797533529122/

info@fieradeldisco.com 3888262495
Fare Media (Luca Varani) 3316181424

Cover Story al Caffè Letterario Colobrì #milanostasera

49896975_10151147903809969_2627249370617085952_o.jpg

Cover Story al Caffè Letterario Colobrì

Questa sera, sabato 12 gennaio 2019 alle ore 18, ci sarà la presentazione del libro di Roberto Angelino intitolato “Cover Story”. Con l’introduzione di Luciano Tallarini e pubblicato da Vololibero Edizioni tratta segreti e aneddoti su 150 copertine della storia della musica italiana.

COVER STORY Copertina_S.jpg

Info

Caffè Letterario Colibrì Via Laghetto 9/11 Milano

www.vololiberoedizioni.it

//rcm-eu.amazon-adsystem.com/e/cm?lt1=_blank&bc1=000000&IS2=1&bg1=FFFFFF&fc1=000000&lc1=0000FF&t=fabioricci-21&language=it_IT&o=29&p=8&l=as4&m=amazon&f=ifr&ref=as_ss_li_til&asins=8832085011&linkId=97c25786e8b7820f1f524ef19d8d7758

Danila Satragno workshop a Torino

It's World Whiskey Day!.pngDanila Satragno workshop a Torino

Il 18 dicembre 2018 ci sarà a Torino in via Lombroso 16 dalle ore 16, il workshop dedicato al sistema Vocal Care di Danila Satragno. Da poco è disponibile, per Sperling & Kupfer, il suo “Tu sei la tua voce”, scritto con Roberto Re che sarà presentato dalle ore 18. Ne abbiamo parlato qualche settimana fa e qui sotto riproponiamo la nostra chiacchierata per le #intervistemilanesi.

Vocal Care

Danila Satragno non è una insegnante di canto, nel senso stretto, si occupa di tanti aspetti che, oltre a rendere molto più efficace la vocalità, ne prevengono possibili infortuni e posso anche limitare se non arrivare a risolvere anche problemi seri che spesso si affrontano solo con il bisturi. Ma a tagliare si fa sempre tempo, compromettendo per sempre alcune caratteristiche. Ecco che già dal suo libro si capisce quando sia importante occuparsi della propria voce. Come va allenata come qualsiasi atleta fa con le altre parti del corpo. Curare la voce, permettere un’espressione più libera e nel contempo preservarla è un valore enorme. Tutti noi musicisti sappiamo quanto lo studio e un buon maestro ci abbiano giovato, stupidamente i cantanti quasi sempre questo aspetto lo trascurano. Accorciando le carriere e compromettendo davvero la qualità della loro voce. Il suo metodo si chiama proprio “Vocal Care”, proprio prendersi cura della voce. Il libro non è solo per cantanti ma per chiunque dal teatro alla radio, dai reading ai discorsi aziendali usa la voce nel suo lavoro.

Info

www.vocalcare.it

www.facebook.com/VocalCare
www.facebook.com/danisatragno

www.instagram.com/vocal_care
www.instagram.com/danilasatragno

Cinquant’anni fa, oggi, Hendrix a Milano

IMG_1650.JPG

Cinquant’anni fa, oggi, Hendrix a Milano

Era il 16 maggio 1968 e presso la Triennale di Milano  The Jimi Hendrix Experience suonarono a Milano. Proprio oggi è stata presentata la mostra “HEY JIMI – The Italian Experience 1968” dedicata al chitarrista americano. Ci sono diversi materiali dell’epoca ispirati anche dal libro (edito da Jaca Book, pp. 272, euro 35) scritto dal giornalista e storico musicale Enzo Gentile e da Roberto Crema. Lavoro dedicato all’unico tour di Jimi in Italia con gli Experience (Noel Redding e Mitch Mitchell) che li vide suonare, oltre che a Milano anche a Roma e Bologna. Lo spazio nel quale suonarono, sotto alla Triennale si chiamava Piper Club, come il famoso locale romano. Sono stato molto contento di andare alla presentazione di questa mattina perché Enzo Gentile è uno dei giornalisti più seri che conosca. Mai banale, sempre gentile, è sempre stato un riferimento in questo mondo. La mostra sarà visitabile fino al 3 giugno e un giro alla Triennale ci sta sempre bene. Approfittatene.

C'era anche Eugenio Finardi

C’era anche Eugenio Finardievento

Jimi Hendrix

Con Jimi ci sono cresciuto, imparare a suonare la chitarra (non a caso ho una Fender Stratocaster Panna) è stato un percorso naturale per me approfondire e innamorarmi di come suonava. È stato un innovatore, il primo chitarrista a fare diventare il suo strumento qualcosa che andava oltre le sei corde. Solisti prima di lui ce ne sono stati tanti, ma dopo di lui è stato tutto un altro modo di suonare la chitarra. Io ho sempre pensato, a differenza sua che se ne vergognava, che fosse anche una grande voce. Senza considerare che quello che faceva suonando mentre cantava. Un talento fantastico rubato dalla droga, uno dei tanti motivi per detestarla. E non è vero che era quella che gli permetteva il suo essere virtuoso, ho dei dischi pirata di suoi concerti dove, drogato, non suonava per nulla bene, anzi. Sono stupidi luoghi comuni che la droga permetta migliori prestazioni. Anzi ha offuscato il suo mostruoso talento. Molti lo ricordano per le provocazioni come suonare con i denti o dare fuoco allo strumento. Io invece per avermi fatto amare questo strumento.

IMG_1649.JPG

Jimi Hendrix l’Italia degli anni sessanta

Leggendo i titoli dei giornali dell’epoca mi ha fatto molto pensare. “Le ragazze impazziscono per il brutto con la permanente” oppure “Pazze per il mostro” senza dimenticare “Il negro che suona la chitarra con i denti”. Quest’ultima la sdoganerei un po’ il termine “negro” non era prettamente dispregiativo. Si usava comunemente per definire il colore della pelle anche pochi anni fa, ora si preferisce il politicamente corretto “nero” o “di colore”. Il punto è che questi articoli in pieno sessantotto sono davvero lo specchio di quegli anni dove la cultura rock era ancora da venire, pure tra i giornalisti bigotti. A me ha colpito molto, io c’ero già ma avevo solo un anno non ho vissuto che di riflesso quei momenti.

IMG_1651.JPG

Info

articolo di www. fabioricci.it

 

“La Storia della Chitarra Rock” presentato da Gino Guitars

“La Storia della Chitarra Rock” presentato da Gino Guitars

Quale posto migliore di uno splendido negozio dedicato alla chitarra e ai chitarristi, Gino Guitars di Milano, per presentare un libro che si chiama “La Storia della Chitarra Rock”? Edito da Hoepli è un viaggio attraverso 100 anni di evoluzione della chitarra e dei chitarristi. Lo scorso 16 marzo 2016 proprio nel capoluogo milanese c’è stato questo mini evento dove parlarne.

IMG_1350.JPG

Chitarra non solo parlata

Moderato da Maurizio Vedovati, publisher di Hoepli, il libro è stato raccontato chitarra alla mano da Luca Masperone, autore insieme a Stefano Tavernese di questo lavoro. A fare compagnia a Luca due grandiosi musicisti: Pietro Nobile per la parte acustica e del grandioso Osvaldo di Dio per la parte elettrica. Nel video della conferenza (sopra) anche le parti suonate che hanno reso davvero memorabile l’incontro.

IMG_1342.JPG

La voglia si suonare

Mi sono portato a casa la voglia di suonare, ma anche di leggere questo bel libro pensato soprattutto per chi ama la chitarra e l’uso che se ne è fatto nella musica dell’ultimo secolo. Eravamo circondati da strumenti meravigliosi e racconti di grandi chitarristi. (Io aggiungo il mio parere e la penso come Osvaldo, comunque Jimi Hendrix!)

Il prossimo

Se siete dalle parti di Brescia, Sabato 7 aprile alle 18.30, ci sarà un’altro evento di presentazione con Luca Masperone, il giornalista Pippo Panenero e il cantautore musicista Charlie Cinelli. Che tutti quelli che hanno vissuto la provincia negli ultimi 20 anni almeno una volta in qualche locale l’hanno sentito suonare.

Info

https://www.hoepli.it/libro/la-storia-della-chitarra-rock/9788820380847.html?utm_source=hoepli_facebook

https://www.lucamasperone.com

http://www.ginomusica.it/