Sogniloqui di Stefano Taccone a Milano #intervistemilanesi #leintervistesuldivano

Sogniloqui di Stefano Taccone a Milano #intervistemilanesi #leintervistesuldivano

Verrà presentato a Milano, Martedì 16 aprile 2019 dalle ore 18.30 presso la Libreria Cultora in via Lamarmora 24, il libro Sogniloqui scritto da Stefano Taccone. Con lui la poetessa Rocio Bolaños e dal filosofo Francesco Morello, ci saranno anche lettura dell’attrice Rossella Raimondi. Con l’occasione l’ho invitato sul mio divano per una chiacchierata molto cospicua ma davvero altrettanto interessante che trovate nel video qui sopra. Domani invece lo potete incontrare live proprio presso Clutora. Un vero piacere scambiare un po’ di opinioni con una persona che ha molto da dire e raccontare.

Di cosa si tratta?

Sogniloqui (iod edizioni) raccoglie 12 racconti brevi di stefano taccone. Il suo progetto nasce da una esigenza intimistica di raccontare storie di vita quotidiana, fatta di sogni e realtà. L’autore è ben conosciuto, come critico, al vasto pubblico dell’arte contemporanea. I suoi saggi, scritti in questi anni, fanno uso di una scrittura che ha sempre al centro la sua attività intellettuale di riflessione critica. Cosa cambia con Sogniloqui? È un uso nuovo delle parole al centro della sua scrittura narrativa. L’astrattezza intellettuale cede il passo ad uno stile letterario finalizzato a sentimenti e sensazioni, che hanno origine nel mondo onirico, dove tutto inizia e tutto ritorna. Rimane intatta, nell’autore, la sua grande voglia di interrogarsi. Di farsi carico di piccole riflessioni di ciò che la vita affronta ogni giorno nei suoi profondi, e irreversibili, cambiamenti di stile e di costume. «Che cos’è ormai una telefonata se non l’antico surrogato di una conversazione a quattro occhi».

Chi è l’autore

Stefano Taccone (Napoli, 1981) insegna Storia dell’arte nei licei. È dottorato in Metodi e metodologie della ricerca archeologica e storico-artistica presso l’Università di Salerno. Dal 2013 al 2015 ha insegnato storia dell’arte contemporanea presso la RUFA – Rome University of Fine Arts. Ha pubblicato le monografie Hans Haacke. Il contesto politico come materiale (2010); La contestazione dell’arte (2013); La radicalità dell’avanguardia (2017). Ha curato il volume Contro l’infelicità. L’Internazionale Situazionista e la sua attualità (2014). Collabora stabilmente con le riviste “Segno” ed “OperaViva Magazine”. Sogniloqui è la sua prima raccolta di racconti.

Info

https://www.facebook.com/events/879351052413316/

https://www.facebook.com/sogniloqui/

www.rossellaraimondi.it

Annunci

Mosaico ’68 allo Spazio Contempo

arosio maimone reading.jpeg

Mosaico ’68 allo Spazio Contempo

Si terrà l’8 novembre 2018, presso lo Spazio Contempo in via della Braida al numero 1 di Milano, il reading musicale con Erica Arosio e Giorgio Maimone. I due leggeranno brani tratti dal loro romanzo “A rincorrere il vento (’68: il B-side)” (Morellini Editore) accompagnati dalla chitarra di Alessio Lega. Lo spettacolo, con inizio alle ore 19.30, racconta a cinquantanni la rivoluzione culturale che ha segnato la nostra società occidentale.

“La Canzone si sposa la Poesia” partecipazioni e lista nozze al 75Beat

matrimonio

Lunedì 26 maggio alle ore 22 cerimonia pubblica per “La Canzone si sposa la Poesia”, matrimonio tra Roberta Carrieri e Guido Catalano. L’unione sarà celebrata presso il 75 BEAT in via Privata Tirso 3 a Milano. Per l’occasione verrà proiettato il nuovo video di “Una Specie di Fidanzato” (Regia Alessandro Benna , Fotografia Luca Ferrato) che vede Roberta e Guido alle prese con le prime fasi del loro incontro. Video che trovate in fondo a questo articolo. Seguirà un concerto-reading in cui la canzone si sposerà con la poesia. Io lo metto in agenda, vista la simpatia (e la qualità dei due) ho davvero l’idea che sarà una serata davvero interessante!
info:
Roberta Carrieri
http://www.robertacarrieri.com/
https://www.facebook.com/RobertaCarrieriFanpage

Guido Catalano
http://www.guidocatalano.it/

ingresso-lista nozze 5.00 euro + tessera arci

matrimonio cavolo

ed ecco qui sotto il video (da vedere)