Intervista a Silvia Misiti direttrice di Ibsa Foundation

Dal nostro Blog gemello, davvero interessante

Digitalico

Intervista a Silvia Misiti direttrice di IBSA Foundation

Ho incontrato Silvia Misiti direttrice della fondazione IBSA (Ibsa Foundation for Scientific Research) presso la Galleria San Fedele di Milano, dove ha promosso una serie di incontri dal titolo “Let’s Science!”. Nella video intervista ne approfondiamo contenuti e obiettivi, possiamo però già anticiparvi che l’interlocutore principale di questo progetto sono i giovani, particolarmente esposti al rischio bufale scientifiche. Le Fake News delle quali abbiamo parlato sono quelle a sfondo salute (Vaccini in primis) ma anche altri comportamenti, che talvolta sconfinano nel Cyber Bullismo, possono divenire casi di studio utili da analizzare in questo contesto. Infine un suggerimento ai più giovani: attenti a condividere una bufala online, oltre che far male alla salute, potrebbe danneggiare anche la vostra reputazione online.

IBSA

“La Fondazione nasce da IBSA Institut Biochimique SA, casa farmaceutica svizzera fondata nel…

View original post 131 altre parole

Annunci

“L’anticristo” i Decibel presentano il loro LP @enricoruggeri

“L’anticristo” i Decibel presentano il loro LP @enricoruggeri

Tornano i Decibel con il nuovo lavoro “L’anticristo” (Sony Italia), che ovviamente uscirà dopo il Festival di Sanremo. Oltre alla voce e alle parole di Enrico Ruggeri ci sono anche Silvio Capeccia e Fulvio Muzio. Insomma quelli veri, splendidi sessantenni in forma musicale strepitosa, ma anche fisica direi. Abbiamo ascoltato dei pezzi in anteprima e anticipando, quello che dico nella prima domanda, il mio giudizio direi che è più che positivo. C’è un’amalgama dei suoni strepitosa, è tutto registrato con una pulizia e una cura davvero di altri tempi. Nulla esce su il resto, nulla offusca o confonde. Come se tutte le frequenze fossero rispettate si dalla registrazione. Il disco andrà ascoltato e masticato, ma oltre ad essere molto orecchiabile è davvero molto ben suonato. Bravi!

Qui puoi prenotarlo e qui in vinile

Sanremo

Al festival, il 68° per la precisione, ci vanno con “Lettera dal Duca” un omaggio a David Bowie che come ha dichiarato, così per non fare capire quanto gli piaccia, che: “se un musicista non apprezza Bowie… non è un gran musicista” (cito a memoria forse era “mezzo musicista” ma nel video sopra è citata correttamente). Al festival duetteranno con Midge Ure voce degli Ultravox più che mai artista a tema con la loro essenza.

Il Tour

Queste sono le prime date, dal vivo ci saranno anche i pezzi tratti dal precedente fortunato “Noblesse Oblige”, ne arriveranno altre, si parte dalle Marche:

13 aprile – Senigallia (An) – Teatro La Fenice

14 aprile – Torino – Teatro Colosseo

26 aprile – Pisa – Teatro Verdi

05 maggio – Vicenza – Teatro Comunale

15 maggio – Roma – Parco della Musica

20 maggio – Milano – Teatro Nazionale

Info

www.facebook.com/decibelufficiale

www.facebook.com/tuttorouge/

https://twitter.com/enricoruggeri

Servizio di www.fabioricci.it

 

Blue Note Off al Sisal Wincity

Nel video Ragonese Bros in un momento della conferenza

Blue Note Off al Sisal Wincity

Blue Note Off al Sisal Wincity è una notizia molto semplice da dare. Presentato questa mattina, 24 gennaio 2018, si tratta di un coobranding molto chiaro. Blue Note porta parte del suo programma di grande qualità nel locale di Sisal alle spalle del Duomo di Milano. Dall’altra parte Sisal accoglie persone diverse per fare conoscere la propria struttura dedicata al gioco d’azzardo. Presentato dal grande Nich The Night Fly, il programma è stato introdotto da Andrea De Micheli – AD Casta Diva Group (per Blue Note) e Francesco Durante – AD Sisal Entertainment (per Wincity)

IMG_1075

Come funzionano le serate

Con 6 euro c’è l’happy hour e la possibilità di vedere musicisti affermati e giovani talenti esibirsi live. Il grosso della parte gioco è isolata dietro grande vetrate e non dovrebbe infastidire chi viene a sentire la musica. Ma certo l’ipotesi che mangiato e ascoltato si faccia qualche puntata o giro alle slot è tutt’altro che remota. Insomma la cosa è stata pensata con un suo chiaro senso. Aggiungete al fatto che i locali dove ascoltare musica di qualità in quel genere hanno praticamente, Blue Note a parte, tutti chiuso.

Il programma

Schermata 2018-01-24 alle 13.35.02

Info

www.castadivagroup.com

www.bluenotemilano.com

www.sisal.com

Matthew Lee presenta Piano Man da Eataly #milanostasera

Matthew Lee presenta Piano Man da Eataly #milanostasera

Questa sera Matthew Lee presenta Piano Man da Eataly a Milano (inizio 18,30 ingresso gratuito). Il disco è già stato presentato alla stampa pochi giorni fa presso la sede della sua casa discografica: la Universal. Nel video sopra trovate la conferenza stampa, mentre in quello sotto due pezzi che ha suonato per noi e per i dipendenti dell’etichetta.

Chi è Matthew Lee

Presto detto, Matthew Lee in questo momento il pianista più veloce del west. Però è anche italiano, cosa non così comune. Anche se all’estero lo apprezzano non meno che qui. Anzi. All’attivo ha oltre 1000 concerti il ché già lo fa spiccare. Matthew però canta anche molto bene. Al punto che si fatica un po’ a capire, se mai ce ne fosse bisogno, cosa fa meglio. Sempre sorridente ha una faccia, una bella faccia. Cosa non così comune tra i suoi colleghi, dove se non ti è morto il gatto non puoi fare l’artista.

Live

La sua dimensione è proprio il live, per cui se siete in zona Eataly (mediato dal giornalista Mario Raffaele Conti) è anche gratuito, così come sta registrando i suoi dischi. Pensati e fissati come si si fosse del vivo, ma questo lo puoi fare solo se sei un musicista vero. Presto sarà anche al Blue Note di Milano per più di una serata, vi terremo informati.

Federica Zanella contro i Cyber Bulli @federicazanella #noicisiamo

Da fare ascoltare alle vittime del cyber bullismo e non solo. Soprattutto ai loro genitori

Digitalico

Federica Zanella contro i Cyber Bulli @federicazanella

Federica Zanella, da qualche anno presidente del Corecom della Regione Lombardia, è nota anche per essere stata giornalista. Soprattutto qui da noi per avere seguito il calcio, mondo che raramente lascia spazio alle donne. Professionista seria e misurata si è distinta in questi anni per avere portato ovunque la battaglia del suo suo organismo regionale. In primis nelle scuole, incontrando insegnanti ed alunni, ma anche in ogni possibile incontro con le persone. Ho avuto il piacere di incontrarla ad un convegno e da li è nata l’idea di andarla a trovare ed intervistarla.

Cyber bullismo e non solo

Con Federica, che ci ha accolto nel suo ufficio al Pirellone, abbiamo parlato non solo del problema non sottovalutabile del Cyber bullismo ma anche di varie problematiche. Tutte sempre legate al mondo internet, come per esempio le Fake News o il Revenge…

View original post 227 altre parole

Con Made in Italy @ligabue torna al cinema

6A SMUTNIAK ACCORSI MATRIMONIO c) Chico De Luigi 799B0382_preview.jpeg

Con Made in Italy Ligabue torna al cinema

Con Made in Italy Ligabue torna al cinema, con un nuovo film. Il suo terzo dopo “Radiofreccia” e “Da Zero a Dieci”. Torna anche Stefano Accorsi, che con Radiofreccia si consacrò, al ruolo di protagonista. Vicino a lui: Kasia Smutniak, Fausto Maria Sciarappa, Walter Leonardi, Filippo Dini, Alessia Giuliani, Gianluca Gobbi, Tobia de Angelis. Il film è prodotto da Domenico Procacci e sarà nelle sale il 25 di gennaio.

No spoiler, la storia e qualche considerazione

Tranquilli non vi racconterò nulla della storia, nel senso nessuno spoiler. Ma magari un po’ ne parliamo. “Made in Italy” è l’emblematico titolo. La storia è ambientata nella provincia italiana, ovviamente nel reggiano. Racconta di Accorsi come potrebbe essere un qualsiasi italiano oggi. Una casa di famiglia (“buttata in piedi dal nonno, ampliata dal padre…”) una bella moglie, due lavori tutto sommato dignitosi (1.200 euro al mese fissi in busta paga, anche subito). Una grande cerchia di amici, che devo essere sincero invidio un po’, di gente cresciuta insieme. Che si perdona anche le cose peggiori, pagando anche i danni. Ma il contrasto con la società, con un altro livello di vita è netto. Non è il datore di lavoro, che tutto sommato resta un essere umano appena “sopra”. Non è con la polizia che fa il suo mestiere. Ma forse è con chi racconta le cose come gli fa comodo, non come sono. Come gli fa comodo per un punto in più di share. La storia avrebbe avuto forse bisogno di una mini serie perché si risolve un po’ velocemente, forse avrei sviscerato ancora meglio. Avrei dato più tempo alla digestione di certi fatti. L’epilogo non è amaro come i film precedenti. Ma un Happy Ending non lo definirei, perché lascia tante domande. Credo che Luciano, più che delle risposte, puntasse a quello: a fare domande.

Il film è girato bene

Il film è anche una chiara dichiarazione d’amore per la nostra Italia, è girato molto bene. C’è sempre la ricerca di una narrazione visuale meno scontata. A me piace molto la ricerca di inquadrature non banali e anche qualche idea per uscire dalla monotona grammatica del film da grande schermo italiano di questi ultimi anni. Ci ho dovuto pensare qualche ora per capire se mi è piaciuto o meno, la risposta è affermativa. Mi ha fatto molto pensare.

Info

@ligabue

Torna Alessandro Cattelan @skyuno @EPCCattelan

Lunedì torna Alessandro Cattelan @skyuno @EPCCattelan

Torna questa sera, lunedì 22 gennaio, il late show di Sky Uno condotto da Alessandro Cattelan: EPCC (e poi c’è Cattelan). Tra gli ospiti già confermati: Bruno Vespa, i Måneskin, Jean Paul Gaultier, Zerocalcare, Giorgia, Ghali, Antonia Klugmann, Fabio Rovazzi, Elettra Lamborghini, Francesca Michielin, Frank Matano e Massimo Popolizio, Pierfrancesco Favino. Sarà la quinta edizione.

Quotidiano

Resta il formato quotidiano sperimentato con successo l’anno scorso. Così come ci saranno le interviste e i giochi, nei quali il casalingo di Voghera (il t9 suggeriva conduttore) coinvolge i suoi ospiti. Così come restano i fedeli e strepitosi Street Clerks, la band fiorentina che presenta la vera novità della stagione… il batterista suonerà seduto e con una batteria comune. Nel senso che di solito suonava in piedi con un set da musicisti di strada. Appunto.

Novità

Poche, forse nessuna realmente perché il format funziona bene. La leggerezza con la quale ci si diverte ogni puntata merita di restare fedele a se stessa. Perché cambiare un meccanismo che funziona, forse anche per questo sentirete, nel video qui sopra, che in effetti di domande particolari non ce n’erano molte. Anche perché quasi tutte anticipate dal giochino dei bigliettini.

Tradizione

Si parte con Cesare Cremonini, ormai feticcio del programma, non si inizia una nuova serie senza il cantautore bolognese. Così come ci sarà l’ottima spalla di Marco Villa (tra gli autori del programma). Oltre a Marco il programma è scritto, Ale compreso, da: Matteo B. Bianchi, Carlo Crocchiolo, Federico Giunta, Luca Monarca, Luca Restivo, Ugo Ripamonti, Andrea Sansalone, Mariagiulia Bertucci per la regia di Alessio Muzi.

Info

www.skyuno.it/epcc
#EPCC
Twitter: @skyuno @EPCCattelan
facebook.com/SkyUno
facebook.com/epccattelan
instagram.com/skyuno
instagram.com/epccattelan