L’estate dei concerti dei Nomadi per l?italia

FOTO COLORI 2017

Estate come al solito all’insegna dei concerti per la band di Novellara. I Nomadi, sempre capitanati da Beppe Carletti fondatore con Augusto Daolio, passeranno questi mesi caldi nel modo che gli è più congeniale: suonando!

Queste sono le date annunciate ad oggi

30.06.2017 NAGO-TORBOLE (TN)

01.07.2017 COSTA VOLPINO (BG)

06.07.2017 CITTA’ DI CASTELLO (PG)

08.07.2017 LIVRAGA (LO)

15.07.2017 ALESSO (UD)

17.07.2017 PECORONE DI LAURIA (PZ)

19.07.2017 VILLAURBANA (OR)

21.07.2017 SONDALO (SO)

22.07.2017 MASONE (GE)

26.07.2017  PESCOLANCIANO   (IS)  

28.07.2017 NOVELLARA (RE)

05.08.2017  RAGUSA

08.08.2017 FANANO (MO)

09.08.2017 LIGNANO SABBIADORO (UD)

10.08.2017 FONTANETO D’AGOGNA (NO)

11.08.2017 GALLESE (VT)

14.08.2017VALLATA (AV)

16.08.2017 ALFANO (SA)

19.08.2017 RIVISONDOLI (AQ)

21.08.2017 BORORE  (NU)

23.08.2017 SERRA DI PRATOLA (AV)

26.08.2017 CASTAGNOLE DELLE LANZE (AT – RADUNO ESTIVO NOMADI FAN CLUB)

27.08.2017 CESA (AR)

02.09.2017 NULLARAO (CA)

06.09.2017  SUTRI (VT)

23.09.2017  SALE (AL)

07.10.2017MONTEBELLUNA (TV)

Tra X-Factor e il Tour Levante gira l’Italia @levantecanta

0238 LEVANTE NEL CAOS @Alan Chies

Non contenta del suo ingaggio come giudice per X-Factor la cantante Levante ha annunciato le prime date del suo “Estate nel caos tour 2017” dove suonerà anche tutto il suo ultimo “Nel caos di stanze stupefacenti” (Carosello Records) – uscito lo scorso 7 aprile. Ecco le date con la produzione di OTRlive:

9 GIUGNO – PISA (METAROCK)

30 GIUGNO – CIVITELLA DEL TRONTO (TE) (ONIRICO FESTIVAL)

7 LUGLIO – AREZZO (MENGO MUSIC FEST)

21 LUGLIO – BELLARIA (RN) (SULLASABBIA FESTIVAL)

22 LUGLIO – COLLEGNO (TO) (FLOWERS FESTIVAL)

4 AGOSTO – LAMEZIA  TERME (CZ) (COLOR FEST)

6 AGOSTO – SAN SEVERINO LUCANO (PZ) (POLLINO MUSIC FESTIVAL)

11 AGOSTO – BRESCIA (FESTA DI RADIO ONDA D’URTO)

12 AGOSTO – RISPESCIA (GR) (FESTAMBIENTE)

2 SETTEMBRE  – SESTO SAN GIOVANNI (MI) (CARROPONTE)

3 SETTEMBRE – TREVISO (HOME FESTIVAL)

9 SETTEMBRE – ROMA (VILLA ADA FESTIVAL)

15 SETTEMBRE – MODENA (ARENA DEL LAGO)

info:

http://www.levanteofficial.com/

https://www.facebook.com/levantemusic/

https://www.instagram.com/levanteofficial/

https://twitter.com/levantecanta

 

 Il ritorno di Liam Gallagher @liamgallagher

Ieri l’anteprima al concerto per Manchester voluto da Ariana Grande, oggi il debutto del suo singolo grazie al video pubblicato su youtube. Le braccia rigorosamente dietro la schiena e il sound inconfondibile solo il marchio di questo “Wall of Glass” che anticipa “As you were” il lavoro di prossima uscita di Liam Gallagher. Il video è diretto da François Rousselet (“Ride ‘Em On Down” dei Rolling Stones, “Lazaretto” di Jack White), Il breve tour inglese, mentre in Italia, Liam Gallagher sarà la star assoluta dell’Home Festival 2017, a Treviso il prossimo 1 settembre. Sul palco ci sono: Mike Moore (chitarra), Jay Mehler (chitarra), Drew McConnell (basso), Dan McDougall (batteria) e Christian Madden (tastiere).

Info:

liamgallagher.com

https://twitter.com/liamgallagher

https://www.instagram.com/liamgallagher/

https://www.facebook.com/LiamGallagherOfficial/

Rea & Bahrami due grandi musicisti per Bach

Si chiama “Bach is in the air” il disco a quattro mani che Danilo Rea ha fatto con Ramin Bahrami. Si tratta dell’epilogo naturale di una serie di concerti, che riprende presto, che i due musicisti hanno fatto nei mesi precedenti. Il disco esce l’1 giugno 2017 per la Decca, lavoro presentato oggi a Milano presso la Universal. Nel video sopra c’è una parte del piccolo showcase di presentazione mentre in quello sotto trovate la conferenza stampa. Sono due pianisti davvero straordinari e il disco ne riflette tutte le qualità. La delicatezza di Bahrami si incrocia con l’improvvisazione di Rea in modo davvero notevole. Dove entrambi suonano al servizio della Musica e non fanno della ginnastica per dita. Grandiosi dal vivo.

TRACKLIST

1 Aria, BWV 988 (dalle Variazioni Goldberg)

2 Jesus bleibet meine Freude, BWV 147

3 Preludio in si minore, BWV 855a (Bach – Siloti)

4 Preludio in do maggiore, BWV 846 (dal Clavicembalo ben temperato, Libro I)

5 Aria sulla IV corda (dalla Suite no. 3 in re maggiore, BWV 1068)

6 Minuetto in sol maggiore, BWV 114 (dal Piccolo libro di Anna Magdalena Bach)

7 Preludio in do minore, BWV 847 (dal Clavicembalo ben temperato, Libro I)

8 Sarabanda (dalla Suite inglese no. 3 in sol minore, BWV 808)

9 Sinfonia no. 11 in sol minore, BWV 797

10 Siciliano (dalla Sonata per flauto in mi bemolle maggiore, BWV 1031)

11 Sarabanda (dalla Partita no. 1 in si minore, BWV 1002)

Mauro Sabbione e il suo “Tango” #matiabazar

Mauro Sabbione ha legato la sua storia a quella dei Matia Bazar per soli tre anni, ma che tre anni intensi. Basterebbe solo citare “Vacanze Romane” e “Tango” per fare capire qual è il punto in cui il suo percorso si è intrecciato a quello della band della sua città. Genova, culla di una grande stagione musicale, dove tutti passavano da casa sua, grazie al fratello maggiore già noto musicista.

Starei a sentire le sue storie per settimane, ma questo fine settimana sono andato ad ascoltarlo suonare a Urgnano, un paese della provincia di Bergamo, dove è arrivato direttamente dal Canada dove vive ora. Perché domani chissà! Lo spettacolo “Tango nel Fango di Rebelais” è la sua rilettura, musicalmente strepitosa, del disco rappresentativo di quello che erano gli anni ottanta. Stagione dove il nulla incrociava la ricerca estetica e l’intreccio culturale, momento in cui da un lato c’era il totale disimpegno e dall’altro artisti percorrevano percorsi intrecciando design architettura musica e immagine. Negli stessi anni contemporaneamente, gli opposti nella stessa stagione.

Di certo la storia che racconta Mauro è vista dal suo punto di vista, di un innamorato di un momento storico. Si è costruito uno spettacolo che si reggerebbe solo sulla sua immensa bravura sui tasti, invece si accompagna con un video, sincronizzato al suo spettacolo che oltre alla sua simpatia, è una ricerca videografica sulla band e sulla storia che gli girava intorno, compresi decine di aneddoti curiosi o divertenti. Più che un musicista a volte è anche un archeologo, credo non sappia nemmeno lui quanti archivi video o fotografici abbia setacciato alla ricerca di materiale che completi la ricerca per raccontare davvero il suo punto di vista di quella storia.

Della serata vi regalo il video dell’immortale pezzo che ha fermato un’epoca, raccontandone un’altra e penso che lo riconoscerete alla prima nota. Presto torna live in Italia con Leo Bassi se non vi bastasse il Sabbione!

Info:

http://www.sabbione.com

autore: http://www.fabioricci.it